Apri il menu principale

Edmond Martène

monaco benedettino e storico francese

Edmond Martène (Saint-Jean-de-Losne, 22 dicembre 1654Saint-Germain-des-Prés, 20 giugno 1739) è stato un monaco cristiano, storico, bibliotecario, liturgista ed erudito francese della congregazione benedettina di San Mauro.

De antiquis ecclesiae ritibus, Rouen 1700

BiografiaModifica

Nel 1672 entrò nell'abbazia benedettina di Saint-Rémy di Reims, appartenente alla Congregazione di San Mauro: distintosi negli studi, venne chiamato presso la casa madre dell'ordine, a Saint-Germain-des-Prés, dove iniziò a collaborare con Luc d'Achery e Jean Mabillon per la pubblicazione delle opere dei padri della Chiesa.

Trascorse lunghi periodi di studio presso numerose case della congregazione, particolarmente presso il priorato di Sainte-Marthe di Rouen.

Nel 1690 pubblicò un Commentarius in regulam S. P. Benedicti litteralis, moralis, historicus ex variis antiquorum scriptorum commentationibus, actis sanctorum, monasticis ritibus aliisque monumentis cum editis tum manuscriptis concinnatus; a Lione pubblicò nel 1690 il De antiquis monachorum ritibus libri V collecti ex variis ordinariis, consuetudinariis ritualibusque manuscriptis, sulla storia della liturgia.

Nel 1708 a Martène e al suo confratello e collaboratore Ursin Durand venne commissionata la ricerca negli archivi francesi e belgi di documenti utili all'aggiornamento della Gallia christiana, pubblicati anche nei cinque volumi del Thesaurus novus anecdotorum (Parigi, 1717). I due studiosi pubblicarono anche i documenti rinvenuti nei loro viaggi nei Paesi Bassi e in Germania nei nove volumi della Veterum scriptorum et monumentorum ecclesiasticorum et dogmaticorum amplissima collectio (Parigi, 1724-1733).

Infine, i sei volumi degli Annales Ordinis S. Benedicti vennero curati dal solo Martène e pubblicati a Parigi nel 1739.

OpereModifica

 
Thesaurus novus anecdotorum, 1717
 
Veterum scriptorum et monumentorum historicorum, dogmaticorum, moralium amplissima collectio, 1724

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN7522238 · ISNI (EN0000 0000 6629 4006 · LCCN (ENn93000985 · GND (DE119036215 · BNF (FRcb13013223q (data) · CERL cnp00403295 · WorldCat Identities (ENn93-000985