Olena Vitryčenko

(Reindirizzamento da Elena Vitrichenko)
Olena Vitryčenko
Vitrichenko57dev00 480pxl.jpg
Vitryčenko durante la sua cerimonia di addio nel corso del Grand Prix di Deventer nel 2000
Nazionalità Ucraina Ucraina
Altezza 168 cm
Peso 42 kg
Ginnastica ritmica Gymnastics (rhythmic) pictogram.svg
Specialità Individuale
Termine carriera 2000
Palmarès
Giochi olimpici 0 0 1
Mondiali 9 7 7
Europei 10 5 5
Universiadi 4 0 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 20 maggio 2017

Olena Igorivna Vitryčenko (in ucraino: Оле́на Ігорівна Вітриче́нко?; Odessa, 25 novembre 1976) è un'ex ginnasta ucraina medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Atlanta 1996 e campionessa del mondo ed europea all-around nel 1997.

BiografiaModifica

Vitryčenko ha iniziato a praticare la ginnastica ritmica nel 1980 all'età di quattro anni, introdotta all'attività sportiva dalla madre Nina, lei stessa un'ex ginnasta. In seguito comincia ad allenarsi frequentando la Deriugina School.[1]

Nel 1986 fa la sua prima apparizione internazionale, e nel 1992 inizia a gareggiare a livello senior vincendo, con la squadra dell'Ucraina, il bronzo nelle 3 funi / 3 palle agli Europei di Stoccarda e successivamente l'argento nella stessa specialità ai Mondiali di Bruxelles. L'anno dopo prende parte da individualista ai Mondiali di Alicante, piazzandosi al secondo posto nella palla e nella gara a squadre e al terzo nel cerchio e nelle clavette.

Olena Vitryčenko partecipa alle Olimpiadi di Atlanta 1996 vincendo la medaglia di bronzo nel concorso individuale, dietro la russa Jana Batyršina e la connazionale Kateryna Serebrjans'ka. L'anno seguente si laurea campionessa europea e campionessa del mondo all-around.

Entrata da lungo tempo in contrasto con la federazione di ginnastica ritmica ucraina, Vitryčenko viene relegata dai giudici, nel corso degli Europei di Saragozza 2000, al 17º posto e in segno di protesta la ginnasta abbandona la competizione. Dopo avere esaminato le registrazioni video, la FIG sospese sei giudici, tra cui l'ucraina Irina Diriugina, accusati di avere avuto un comportamento discriminatorio verso la Vitryčenko.[2] Inoltre, altri 26 giudici ricevettero un avvertimento e furono estromessi dalle Olimpiadi di Sydney 2000.[3]

La federazione ucraina tentò di negare il posto alla Vitryčenko alle Olimpiadi di Sydney 2000, ma il Comitato Olimpico Internazionale le diede ragione consentendole di gareggiare. Alla fine la ginnasta ucraina giunge quarta, dietro la russa Alina Kabaeva medaglia di bronzo. Lo stesso anno annuncia poi il suo ritiro dall'attività agonistica.

Dopo il ritiro Olena Vitryčenko ha passato dieci anni a insegnare in Spagna; nel 2013 si è trasferita nell'Illinois, Stati Uniti d'America, inaugurando nell'autunno dell'anno seguente la Vitrychenko Academy.[4]

PalmarèsModifica

Atlanta 1996: bronzo nel concorso individuale.
Bruxelles 1992: argento nelle 3 funi / 3 palle.
Alicante 1993: argento nella palla e nella gara a squadre, bronzo nel cerchio e nelle clavette.
Parigi 1994: oro nella palla, argento nel nastro.
Vienna 1995: oro nel nastro, argento nella fune, bronzo nelle clavette e nella gara a squadre.
Budapest 1996: oro nel nastro, argento nelle clavette.
Berlino 1997: oro nell'all-around, nella fune, nelle clavette e nel nastro; argento nel cerchio; bronzo nella gara a squadre.
Osaka 1999: oro nella fune e nel cerchio, bronzo nel nastro e nella gara a squadre.
Stoccarda 1992: bronzo nelle 3 funi / 3 palle.
Salonicco 1994: oro nella fune, nel cerchio, nel nastro e nella gara a squadre; argento nell'all-around.
Praga 1995: bronzo nel nastro.
Asker 1996: oro nella gara a squadre, argento nella palla, bronzo nella fune e nelle clavette.
Patrasso 1997: oro nell'all-around e nel cerchio, argento nel nastro.
Porto 1998: oro nelle clavette, argento nella gara a squadre, bronzo nella fune.
Budapest 1999: oro nella palla e nel nastro, argento nella fune.
Sicilia 1997: oro nell'all-around, nel nastro, nel cerchio e nella fune; bronzo nelle clavette.

OnorificenzeModifica

  Ordine al merito di II Classe
«Per gli eccezionali risultati sportivi ottenuti, e per il suo contributo personale all'affermazione dell'autorità dell'Ucraina nel mondo»
— 10 settembre 1997[5]

NoteModifica

  1. ^ (UK) Школа художньої гімнастики Дерюгіних, su uateka.com. URL consultato il 20 maggio 2017.
  2. ^ (EN) Olympic judge Irina Deriugina appeals 8-year ban, su espn.com, 22 maggio 2008. URL consultato il 20 maggio 2017.
  3. ^ (EN) History of Rhythmic Gymnastics, su eliterg.com. URL consultato il 20 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 30 aprile 2017).
  4. ^ (EN) Vitrychenko Academy Gymnastics History, su vitrychenkoacademy.com. URL consultato il 20 maggio 2017.
  5. ^ (UK) Decreto del Presidente della Repubblica N.997/97 del 10 settembre 1997, su zakon4.rada.gov.ua. URL consultato il 20 maggio 2017.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN304731257 · WorldCat Identities (ENviaf-304731257