Apri il menu principale

Elezioni primarie del Partito Democratico del 2012 (Stati Uniti d'America)

Primarie presidenziali del Partito Democratico del 2012
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Partito Partito Democratico
Data 3 gennaio-5 giugno (elezioni popolari)
4-6 settembre (convention)
President Barack Obama, 2012 portrait crop.jpg
Eletto Barack Obama
Voti 6 158 064
88,87 %
Delegati 5 415
100 %
Left arrow.svg 2008 2016 Right arrow.svg

Le elezioni primarie del Partito Democratico statunitense del 2012 si sono tenute tra i mesi di gennaio e giugno dello stesso anno, prima delle elezioni generali di novembre.

Il Presidente uscente Barack Obama si è ricandidato senza avere sfidanti di rilievo. Alcuni Stati hanno pertanto annullato le primarie, mentre in altri è figurato come l'unico candidato sulle schede elettorali. Il 3 aprile 2012 ha raggiunto il quorum di 2 778 delegati necessari per la nomination, accumulando alla fine delle elezioni 3 166 delegati. Alla convention nazionale, il 5 settembre a Charlotte, nella Carolina del Nord, tutti i 5 415 delegati presenti hanno ufficialmente nominato Obama, che aveva già scelto di ripresentare Joe Biden come candidato Vicepresidente.[1]

Dalla convention sono stati esclusi i delegati ottenuti da altri candidati in alcuni stati. In particolare, Randall Terry aveva ottenuto sette delegati in Oklahoma, Keith Russell Judd aveva vinto delegati in West Virginia e John Wolfe Jr. ne aveva ottenuti in Arkansas e Louisiana. Judd, un detenuto, aveva conquistato il 41% dei voti in West Virginia; Wolfe Jr. il 42% in Arkansas.[2][3][4]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Dems formally nominate Obama after Clinton hails both his calm, passion, in Dallas News, 5 settembre 2012.
  2. ^ (EN) David Weigel, Meet Keith Judd, the Superhero Inmate Winning Delegates Against Barack Obama, in Slate, 8 maggio 2012.
  3. ^ (EN) M. Little, Texas inmate wins 41% of vote vs. Obama in West Virginia primary, in Los Angeles Times, 9 maggio 2012.
  4. ^ (EN) Suzi Parker, Obama struggles in Kentucky, Arkansas primaries, in Reuters, 23 maggio 2012.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica