Elia Interguglielmi

pittore italiano

Elia Interguglielmi (Napoli, 1746Palermo, 16 maggio 1835) è stato un pittore italiano.

BiografiaModifica

Pittore, figurinista e decoratore molto attivo in Sicilia, esponente del tardo barocco e neoclassicismo, sotto la direzione di Gaspare Fumagalli decorò alcuni ambienti di Palazzo Valguarnera-Gangi. A Napoli è documentato per la prima volta nel 1762 come assistente di Giuseppe Bonito e Antonio Dominici.

Nel 1767 si recò a Palermo, dove dipinse scene ispirate alla vita di Sant'Anna nella chiesa di Sant'Anna la Misericordia, opere influenzate dallo stile del pittore Vito D'Anna. Gli affreschi del 1782 che descrivono episodi della vita della Vergine Maria nella chiesa di Santa Maria degli Agonizzanti pongono in luce l'approccio con l'arte partenopea, influenzata in particolare da Luca Giordano e Francesco Solimena. Tra il 1780 e il 1810 decorò numerosi palazzi e ville a Palermo e nella zona circostante con affreschi divenendo uno dei principali pittori della transizione dal tardo barocco al classicismo.

I suoi ultimi lavori risentono le scoperte archeologiche di Pompei ed Ercolano, stile universalmente definito pompeiano.

OpereModifica

Enna e provinciaModifica

  • 1791, Trinità e Santi, dipinto su tela, opera custodita nella chiesa di San Francesco di Paola di Nicosia.

Palermo e provinciaModifica

BagheriaModifica

PalermoModifica

Santa FlaviaModifica

Ragusa e provinciaModifica

Trapani e provinciaModifica

Altre opereModifica

  • 1790, La Cappella Reale di Napoli con le nozze, nel 1790, per procura di Maria Teresa e Maria Luisa di Borbone con Francesco II d'Asburgo e Ferdinando III di Lorena, pittura a olio su tela, opera custodita nel Palazzo Reale di Napoli.

NoteModifica

  1. ^ a b Gaspare Palermo Volume secondo, pp. 181.
  2. ^ Vincenzo Migliore, pp. LXXIX.
  3. ^ De Luca D'Arpa, pp. 21.
  4. ^ a b c De Luca D'Arpa, pp. 10.
  5. ^ De Luca D'Arpa, pp. 11.
  6. ^ De Luca D'Arpa, pp. 12.
  7. ^ De Luca D'Arpa, pp. 28 e 29.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN95735123 · ISNI (EN0000 0000 7004 2709 · LCCN (ENnb2014018386 · GND (DE122516605 · ULAN (EN500008844 · BAV (EN495/355441 · CERL cnp00570125 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2014018386