Apri il menu principale

Elizabeth Murray, II contessa di Dysart

nobildonna scozzese
Elizabeth Murray
Elizabeth Murray.jpg
Elizabeth Murray, ritratto di Sir Peter Lely, 1648
II Contessa di Dysart
Duchessa di Lauderdale
In carica 1655 –
1698
Predecessore William Murray, I conte di Dysart
Successore Lionel Tollemache, III conte di Dysart
Nascita 28 settembre 1626
Morte Ham House, 5 giugno 1698
Sepoltura Petersham Parish Church[1]
Dinastia Murray
Padre William Murray, I conte di Dysart
Madre Catherine Bruce
Consorte Lionel Tollemache
John Maitland, I duca di Lauderdale

Elizabeth Murray, II contessa di Dysart (28 settembre 1626Ham House, 5 giugno 1698) è stata una nobildonna scozzese.

BiografiaModifica

Era la figlia di William Murray, I conte di Dysart, e di sua moglie, Catherine Bruce[2]. Suo padre si assicurò che ricevesse una educazione completa, che era insolito per le donne dell'epoca[3][4].

Elizabeth amava una vita domestica tranquilla, che si basava sulla casa di famiglia, Ham House, vicino a Richmond, Londra, dove trascorse molto tempo e denaro nella riqualificazione[5]. In quel periodo conobbe il parlamentare Oliver Cromwell e l'amicizia fornì una copertura per le proprie tendenze realiste. Nel 1653 entrò a far parte dell'organizzazione segreta, il Sealed Knot[3]. Era in corrispondenza con i sostenitori in esilio di Carlo II e visitò l'Europa per vedere il re stesso.

MatrimoniModifica

Primo MatrimonioModifica

A causa della guerra civile inglese, suo padre ritardò la ricerca di un marito. Sposò, il 22 maggio 1648, Sir Lionel Tollemache. La coppia ebbe undici figli, dei quali cinque raggiunsero l'età adulta:

Alla morte del padre nel 1655, ereditò i suoi titoli.

Nel 1660, quando Carlo II riconquistò il trono, Elizabeth venne premiata con una pensione annua di £ 800[3]. I suoi nemici la accusarono di stregoneria a causa della sua influenza politica[2].

Secondo MatrimonioModifica

Nel 1669 il marito, Lionel, morì in Francia. Si sospetta che subito dopo divenne l'amante di John Maitland, I duca di Lauderdale[3], che sposò il 17 febbraio 1672, alla morte di sua moglie. I due erano noti per la loro influenza, ricchezza e stravaganza[4].

Alla morte del marito, Elizabeth entrò in una disputa legale con il cognato per i debiti del marito e per le spese funerarie.

MorteModifica

Morì il 5 giugno 1698, all'età di 72 anni, a Ham House[7].

NoteModifica

  1. ^ Churchyard (Petersham Village, Richmond Surrey) [collegamento interrotto], su petershamvillage.co.uk. URL consultato l'11 luglio 2011.
  2. ^ a b Elizabeth Murray in Women in World History, in Women in World History: A biographical encyclopedia, 1º gennaio 2002. URL consultato il 6 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 6 novembre 2012).
  3. ^ a b c d Rosalind K. Marshall, Elizabeth Murray in ODNB, in Oxford Dictionary National Biography, 2004. URL consultato il 6 luglio 2011.
  4. ^ a b Galleries Scotland Elizabeth Murray Biography, in National Galleries Scotland. URL consultato il 6 luglio 2011.
  5. ^ Ham House, National Trust. URL consultato il 6 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2011).
  6. ^ Baronage of Duddingston History, in Baronage.co.uk, 2005. URL consultato il 6 luglio 2011.
  7. ^ Biography of Elizabeth Murray, in Stanford.edu. URL consultato il 6 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2011).

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN55568327 · LCCN (ENn85013541 · WorldCat Identities (ENn85-013541