Emanuele Custo

vescovo cattolico italiano
Emanuele Custo
vescovo della Chiesa cattolica
Template-Bishop.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Mazara del Vallo (1816-1829)
 
Nato30 gennaio 1765 a Palermo
Ordinato presbitero7 marzo 1789
Nominato vescovo23 settembre 1816 da papa Pio VII
Consacrato vescovo29 settembre 1816 da papa Pio VII
Deceduto8 luglio 1829 (64 anni) a Palermo
 

Emanuele Custo (Palermo, 30 gennaio 1765Palermo, 8 luglio 1829) è stato un vescovo cattolico italiano.

BiografiaModifica

Nobile dei baroni di Franco e di Corte Vecchia, fu ordinato sacerdote il 7 marzo 1789 a Palermo, città dove era nato e dove compì gli studi presso il Seminario. In seguito alla morte del padre, il barone Giovanni Battista Custo, ne ereditò il titolo ed il patrimonio.

Come prete si dedicò molto alla causa dei poveri per i quali realizzò anche un reclusorio.

Il 10 luglio 1816 il re Ferdinando III di Borbone lo propose come vescovo di Mazara al papa Pio VII che lo nominò il 23 settembre seguente e lo ordinò personalmente sei giorni dopo a Roma.

Divenuto vescovo di Mazara si distinse per la sua azione di opposizione all'operato della carboneria contro la quale pubblicò diversi documenti emessi dal Vaticano ed avviò diversi procedimenti contro alcuni esponenti del clero di Mazara sospettati di appartenere a tale organizzazione.

Nel suo testamento destinò la sua argenteria alla Cattedrale ed all'Ospizio de poveri e la sua ricca biblioteca al Seminario.

Genealogia episcopaleModifica

Successione apostolicaModifica

BibliografiaModifica

  • Pietro Pisciotta, Croce e Campanile, Mazarien Ecclesia, Mazara del Vallo, Istituto per la Storia della Chiesa mazarese, 2008.

Collegamenti esterniModifica