Enjera

piatto base della cucina etiope ed eritrea
Injera
Alicha 1.jpg
Origini
Altri nomiEnjera
Luoghi d'origineEtiopia Etiopia
Eritrea Eritrea
Dettagli
Categoriaprimo piatto
Ingredienti principalifarina di teff, acqua, carne e verdure

L'Injera (in ge'ez: እንጀራ, ənǧära) è il piatto base della cucina etiope ed eritrea e viene preparata con la farina di teff, un cereale originario degli altopiani etiopici.[1][2]

Con farina e acqua si ottiene un impasto cremoso che viene lasciato fermentare per 24 ore; per la cottura viene versato e spalmato su larghe piastre scaldate, chiuse da un coperchio (quelle tradizionali si chiamano mogogo), in modo che il calore sia più forte sul lato inferiore a contatto con la piastra e più diffuso sul lato superiore. In pochi minuti di cottura si ottiene una larga crêpe spugnosa di colore grigiastro, con numerose bollicine e un sapore leggermente acidulo, dovuti alla fermentazione.

L'injera è un ingrediente base dello zighinì,[1] uno dei piatti della cucina eritrea.[2] Generalmente accompagna altre pietanze quali carne (dorowot, segawot) o verdure. Rotoli di injera vengono serviti a parte e, strappati a brandelli, servono per portare il cibo alla bocca.[3][4]

NoteModifica

  1. ^ a b Injera: un pane africano, su eritreiticino.ch. URL consultato il 5 novembre 2019.
  2. ^ a b Ricetta Pane injera etiope, su Donna Moderna. URL consultato il 5 novembre 2019.
  3. ^ Jean-Bernard Carillet, Etiopia e Eritrea. URL consultato il 5 novembre 2019.
  4. ^ Jean-Bernard Carillet, Etiopia e Gibuti. URL consultato il 5 novembre 2019.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica