Eotitanosuchus olsoni

specie di animali della famiglia Eotitanosuchidae
(Reindirizzamento da Eotitanosuchus)

Eotitanosuchus olsoni è un tetrapode fossile, appartenente al gruppo dei terapsidi. I suoi resti sono stati rinvenuti in Russia, in terreni del Permiano medio (circa 250 milioni di anni fa).

Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Eotitanosuchus
Ricostruzione della testa
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Synapsida
Ordine Therapsida
Famiglia Eotitanosuchidae
Genere Eotitanosuchus
Specie E.olsoni

Descrizione modifica

I resti rinvenuti appartengono a un animale lungo circa due metri e mezzo, con un cranio che superava i trenta centimetri, ma si pensa che l'esemplare fosse un giovane. Il cranio di un adulto, quindi, doveva essere lungo forse un metro. Questo animale doveva assomigliare vagamente a un coccodrillo sprovvisto di corazza e con una testa più corta. Le zampe robuste erano tenute sollevate dal terreno e sporgevano leggermente all'infuori per sorreggere il corpo. Il cranio era alto e profondo, ed era equipaggiato con una formidabile dentatura: due lunghi canini superiori a forma di sciabola dovevano essere le principali armi di questo predatore. Gli altri denti, più piccoli, preannunciano già la dentatura dei suoi discendenti, i cinodonti, che in seguito daranno origine ai mammiferi.

L'eotitanosuco è considerato uno dei terapsidi più antichi: di certo, fu uno dei primi grandi terapsidi predatori e nel suo ecosistema aveva ben pochi rivali. Probabilmente tra le sue prede vi erano i giganteschi Estemmenosuchus, grandi terapsidi erbivori muniti di corna.

Bibliografia modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

  • Informazioni sugli eotitanosuchidi, su kheper.net. URL consultato il 1º settembre 2007 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2019).
  • In tedesco, su leute.server.de. URL consultato il 1º settembre 2007 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2005).
  • Informazioni varie, su palaeos.com. URL consultato il 1º settembre 2007 (archiviato dall'url originale il 13 marzo 2006).
  • Eotitanosuchus - Gondwana Studios
  Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili