Ermanno Carlotto

marinaio italiano
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Ermanno Carlotto (disambigua).
Ermanno Carlotto
NascitaCeva, 30 novembre 1878
MorteTientsin, 27 giugno 1900
Dati militari
Paese servitoItalia Regno d'Italia
Forza armataItalia Regio esercito
ArmaRegia Marina
GradoSottotenente
BattaglieRivolta dei boxer 19 giugno 1900
DecorazioniMedaglia d'oro al valor militare
voci di militari presenti su Wikipedia

Ermanno Carlotto (Ceva, 30 novembre 1878Tientsin, 27 giugno 1900) è stato un militare italiano, medaglia d'oro al valor militare alla memoria.

BiografiaModifica

Nel novembre del 1892 fu ammesso all'Accademia Navale di Livorno, da cui uscì nel 1898 con il grado di Guardiamarina. Venne immediatamente imbarcato sull'incrociatore corazzato Carlo Alberto, che di lì a poco sarebbe salpato per una crociera verso le Americhe e l'Estremo Oriente. Nel 1900 venne promosso sottotenente di vascello ed imbarcato a bordo dell'incrociatore Elba, che in quel periodo svolgeva servizio nei mari della Cina.

Nel frattempo in Cina era scoppiata la rivolta dei boxer, e il sottotenente di vascello Carlotto, al comando di un drappello di 20 fucilieri di marina, partecipò alla difesa di Tientsin (ora Tianjin). Il 19 giugno 1900 venne gravemente ferito durante un cruentissimo assalto dei ribelli contro la Scuola Militare, che era impegnato a difendere coi suoi uomini. Morì otto giorni dopo. Anche sullo slancio emotivo di tali avvenimenti il Parlamento italiano il successivo 5 luglio decise un intervento militare di un corpo di 2.000 uomini.

DedicheModifica

La Marina Militare gli ha intitolato il Reggimento Carlotto di fanteria di marina, una cannoniera entrata in servizio nel 1921, ed alcune strutture militari tra cui:

Nella città cinese di Tianjin, nel merito delle concessioni europee, tra 1901 e 1943 la via centrale del territorio italiano fu intitolata a Ermanno Carlotto[1].

OnorificenzeModifica

  Medaglia d'oro al valor militare alla memoria
«Sprezzando i pericoli si espose in ogni circostanza e cadde da prode mentre avanzavasi indifeso per scoprire i punti ove dirigere il fuoco del suo distaccamento.[2]
— Tientsin, 19 giugno 1900

NoteModifica

  1. ^ Mappa della concessione italiana di Tienjin. (JPG), su upload.wikimedia.org.
  2. ^ Medaglia d'oro al valor militare, su quirinale.it. URL consultato il 4 giugno 2011.

Voci correlateModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie