Ernesto Casimiro di Nassau-Dietz

Ernesto Casimiro
Ernst Casimir van Nassau-Dietz (Wybrand de Geest, 1635).jpg
Ernesto Casimiro di Nassau-Dietz in un ritratto di Wybrand de Geest
Conte di Nassau-Dietz
Stemma
In carica 1606 - 1632
Predecessore Titolo creato
Successore Enrico Casimiro I
Statolder di Frisia
In carica 1620 - 1632
Predecessore Guglielmo Luigi di Nassau-Dillenburg
Successore Enrico Casimiro I
Statolder di Groninga e Drenthe
In carica 1625 - 1632
Predecessore Maurizio d'Orange
Successore Enrico Casimiro I
Nascita Dillenburg, 22 dicembre 1573
Morte Roermond, 2 giugno 1632
Casa reale Casato di Nassau
Padre Giovanni VI di Nassau-Dillenburg
Madre Elisabetta di Leuchtenberg
Consorte Sofia Edvige di Brunswick-Lüneburg
Figli Enrico Casimiro
Guglielmo Federico
Maurizio
Elisabetta Frisa
Religione Calvinismo

Ernesto Casimiro di Nassau-Dietz (Dillenburg, 22 dicembre 1573Roermond, 2 giugno 1632), fu conte di Nassau-Dietz e Stadtholder di Firisia, Groninga e Drenthe.

BiografiaModifica

 
Sofia Edvige ed alcuni dei suoi figli, dipinto di Paulus Moreelse.
 
Il principe Federico Enrico ed il conte Ernesto Casimiro durante l'Assedio di 's-Hertogenbosch

Ernesto Casimiro di Nassau-Dietz era l'undicesimo figlio di Giovanni VI di Nassau-Dillenburg e di Elisabetta di Leuchtenberg.

Dopo la morte del padre, la contea di Nassau venne suddivisa fra i suoi cinque figli maschi sopravvissutigli ed Ernesto Casimiro divenne conte di Nassau-Dietz.

Ernesto Casimiro venne conosciuto quindi come comandante militare durante la Guerra degli ottant'anni. Egli prestò servizio sotto il cugino Maurizio di Nassau, principe di Orange, negli assedi delle città di Steenwijk e Oldenzaal, e sotto il comando di Federico Enrico d'Orange durante l'Assedio di Groenlo (1627) e nell'Assedio di 's-Hertogenbosch. Come Stadholder di Groninga egli fondò la fortezza di Nieuweschans nel 1628. Egli detenne il titolo di Statholder anche in Frisia ove fu molto popolare e la popolazione locale garantì la detenzione di questo titolo anche ai suoi eredi dopo la sua morte.

MorteModifica

Ernesto Casimiro venne ucciso da una palla di fucile alla testa durante l'Assedio di Roermond mentre stava ispezionando le trincee, nel giugno del 1632. Il cappello da lui indossato durante la battaglia, con ben visibile il foro di proiettile che lo uccise, è ancora oggi conservato al Rijksmuseum.[1] Suo figlio, Enrico Casimiro I di Nassu-Dietz gli succedette al governo della contea e come statholder di Frisia, Groninga e Drenthe.

FamigliaModifica

Nel 1607 Ernesto Casimiro sposò Sofia Edvige di Brunswick-Lüneburg, figlia di Enrico Giulio di Brunswick-Lüneburg. Da questo matrimonio nacquero i seguenti eredi:

  • una figlia nata morta (1608)
  • un figlio nato morto (1609)
  • un figlio di cui non si sa il nome (1610-1610)
  • Enrico Casimiro I di Nassau-Dietz (Arnhem, 1612-1640)
  • Guglielmo Federico di Nassau-Dietz (Arnhem, 1613-1664), sposò Albertina Agnese d'Orange.
  • Elisabetta (Leeuwarden, 25 luglio 1614 - Leeuwarden, 18 settembre 1614)
  • Giovanni Ernesto (Arnhem, 29 marzo 1617 - maggio 1617)
  • Maurizio (Groninga, 21 febbraio 1619 - Groninga, 18 settembre 1628)
  • Elisabetta Frisa (Leeuwarden, 25 novembre 1620 - Groninga, 20 settembre 1628)

NoteModifica

  1. ^ vedi qui, su rijksmuseum.nl. URL consultato il 9 agosto 2010 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2011).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN3635553 · ISNI (EN0000 0000 6130 3225 · GND (DE132507714 · BAV (EN495/186597 · CERL cnp01093932 · WorldCat Identities (ENviaf-3635553