Apri il menu principale

L'Estate teatrale veronese è un ciclo di spettacoli che si tengono ogni estate a Verona, presso il teatro romano.

StoriaModifica

La prima serata dell'Estate teatrale veronese si tenne la sera del 26 luglio 1948, e tra il pubblico spiccavano personalità come il presidente della repubblica Luigi Einaudi ed il sottosegretario Giulio Andreotti. Alla prima venne rappresentata la tragedia di Romeo e Giulietta.

La versione della tragedia era quella di Salvatore Quasimodo, e gli interpreti di quella prima serata furono Edda Albertini nel ruolo di Giulietta, Giorgio De Lullo per Romeo, Gianni Santuccio per Tebaldo e Renzo Ricci nel ruolo di Mercuzio. Con un ruolo secondario era presente anche un giovane Nino Manfredi.

Era un periodo questo, il dopoguerra, dove si cercava di attirare turisti e di rendere la città una meta culturale e artistica d'eccellenza, per cui alla ripresa del festival lirico areniano si cercò di affiancare, con successo, questa manifestazione, allestendola in una struttura che potesse fare concorrenza all'Arena: il teatro romano.[senza fonte]

L'Estate teatrale è diventata velocemente famosa in tutto il mondo, e dal 1955 si cominciarono a rappresentare anche le commedie di Carlo Goldoni per aumentare la fascia di pubblico.[senza fonte]

Dagli anni sessanta si cominciarono ad esibire famose compagnie di danza, e negli anni settanta iniziarono le serate jazz, con personalità famose come Miles Davis, Ella Fitzgerald, Duke Ellington, Ornette Coleman e Keith Jarret.

Nel 2013 entra a far parte della programmazione dell'Estate Teatrale Veronese il Festival Rumors - Illazioni vocali con personalità famose come Tony Bennett, Patti Smith, Rufus Wainwright, Steven Wilson.

La maggior parte degli spettacoli dell'Estate Teatrale Veronese sono andati in scena al Teatro Romano. Negli anni sono però stati proposti spettacoli anche al Giardino Giusti, in piazza dei Signori, nel cortile di Castelvecchio e nel chiostro di San Zeno. Nel 2019 termina la lunga direzione artistica di Gian Paolo Savorelli iniziata sul finire degli Settanta e supportata (dagli anni Novanta) da Enrico Pieruccini come responsabile dell'ufficio stampa.

EventiModifica

Si tengono vari spettacoli durante tutta l'estate, in particolare per la prosa il Festival Shakespeariano, che vede varie rappresentazioni di William Shakespeare e Carlo Goldoni, per il jazz il Verona Jazz con varie band, e spettacoli di danza, con compagnie di tutto il mondo.

Nel 2013 entra a far parte della programmazione dell'Estate Teatrale Veronese il Festival Rumors - illazioni vocali.

Ideato da Elisabetta Fadini che ne è il Direttore Artistico. Il Festival nasce dalla fondazione del Manifesto di Reading tra i firmatari del Manifesto Elena Ledda, Paolo Fresu, Stefano Bollani, Alessandro Bergonzoni, Elisabetta Fadini, Fabrizio Bosso, Daniele Scannapieco, Gianmaria Testa, Rosario Giuliani, Gianni Maroccolo, Cristiano Godano, Lello Voce.

Festival dedicato alla voce, alla vocalità e alle avanguardie artistiche. Punto focale del Festival è sempre stato l'unicità degli eventi, da ricordare il primo concerto italiano di Tony Bennett da solista con la consegna di riconoscimento da parte del console americano in Italia, Rumors consegna il primo premio istituzionale italiano a Patti Smith, negli anni artisti come Ute Lemper, Emanuele Salce, Vinicio Capossela con la prima dello spettacolo "Carnevale degli animali", Anna Calvi, Rufus Wainwright , Rag' n Bone Man che con il brano Human ha vinto 10 dischi di platino, la cantautrice Noa, il grande concerto di Steven Wilson..

Artisti famosiModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Sito ufficiale dell'Estate teatrale veronese

  Portale Verona: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Verona