Eufemia (imperatrice)

Imperatrice dell'Impero romano d'Oriente
Eufemia
Augusta
Imperatrice dell'Impero bizantino
In carica 518 –
prima di aprile 527
Predecessore Ariadne
Successore Teodora
Nome completo Lupicina
Nascita 465 circa
Morte Costantinopoli, prima di aprile 527
Luogo di sepoltura Chiesa di Sant'Eufemia
Dinastia Dinastia giustinianea
Consorte di Giustino I
Religione Cristianesimo di dottrina calcedoniana

Eufemia, nata Lupicina (465 circa – Costantinopoli, prima di aprile 527), è stata imperatrice dell'Impero romano d'Oriente quale moglie dell'imperatore Giustino I.

BiografiaModifica

Schiava e di origine barbara il suo nome di nascita era Lupicina.[1] Durante l'impero di Anastasio I sposò Giustino I, che all'epoca era un semplice soldato che stava incominciando una proficua carriera nell'esercito bizantino.[1]

Quando nel 518 d.C. il marito fu scelto quale nuovo imperatore, le fu cambiato il nome in Eufemia e fu incoronata quale Augusta.[1] Non si intromise mai nelle questioni politiche e militari, consigliando il marito solo in due occasioni: il contrasto religioso in Egitto per via della dottrina miafisita dilagante e il veto al matrimonio del nipote Giustiniano I con l'attrice e prostituta rea Teodora.[1] Alla morte di Eufemia, avvenuta prima di quella del marito Giustino, il nipote ottennè l'autorizzazione a sposarsi.

NoteModifica

  1. ^ a b c d Martindale, p. 423.

BibliografiaModifica

Fonti anticheModifica

Fonti moderneModifica

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN39768451 · CERL cnp00289947 · GND (DE102466734