Apri il menu principale

Eugenio Giovannetti

giornalista, scrittore e traduttore italiano

Eugenio Giovannetti (Ancona, 25 febbraio 1883Roma, 1º maggio 1951) è stato un giornalista, scrittore e traduttore italiano.

Indice

BiografiaModifica

Frequenta l'Università di Bologna e, dopo essersi laureato nel 1905 in lettere (nel 1911 prenderà una seconda laurea in giurisprudenza)[1], inizia a collaborare con il Resto del Carlino e a pubblicare le prime opere, "novelle di maliziosa e letteraria eleganza"[2] e studi sull'arte e la letteratura classica. Legato agli ambienti del tradizionalismo e del misticismo, partecipa alla Prima guerra mondiale, durante la quale continua il suo lavoro di scrittore. Sposatosi con una cantante statunitense, si trasferisce a Roma dove collabora con Il Tempo, La Ronda, Il Giornale d'Italia, Il Becco giallo e altri periodici. Negli anni venti ospita nella sua casa romana un frequentato salotto letterario e pubblica numerose opere teatrali, di narrativa, costume, critica letteraria e cinematografica, spesso rielaborando scritti giornalistici. Negli anni trenta riprende gli studi antichistici, pubblicando opere storiografiche e decine di traduzioni (Cicerone, Giulio Cesare), non solo di autori antichi ma anche di studiosi (Johann Jakob Bachofen), e scrittori contemporanei (Henry James, Theodor Fontane, John Steinbeck, Marcel Proust, David Herbert Lawrence, André Gide).

Opere principaliModifica

  • Un pittore di donne e di eroi: Andocide, Bologna, Zanichelli, 1908
  • I sette peccati, Bologna, Beltrami, 1908
  • Il tramonto del liberalismo, Bari, Laterza, 1917
  • La compagnia della satira, Milano, Vitagliano, 1920
  • Satyricon: 1918-1921, Firenze, La Voce, 1921
  • Il libro degli innamorati inverosimili, Milano, Mondadori, 1923
  • Quand'amai la prima volta: confessioni dei più illustri contemporanei, Milano, Treves, 1928
  • 'Federico Taylor e l'americanismo' , Pègaso, 1929
  • Il cinema e le arti meccaniche, Palermo, R. Sandron, 1930
  • La religione di Cesare, Milano, U. Hoepli, 1937
  • Aragò dai bei sinistri: quadri dell'amore novecentesco, Roma, Emes, 1943

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Dizionario generale degli autori italiani contemporanei, Firenze, Vallecchi, 1974, ad vocem

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN56971055 · ISNI (EN0000 0001 0904 7225 · SBN IT\ICCU\RAVV\044133 · LCCN (ENnr98001622 · BAV ADV10203859