Euglandina rosea

specie di mollusco
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lumaca lupo
EuglandinaRoseaJul03.jpg
Euglandina rosea
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Mollusca
Classe Gastropoda
Sottoclasse Heterobranchia
Infraclasse Euthyneura
Subterclasse Tectipleura
Superordine Eupulmonata
Ordine Stylommatophora
Sottordine Helicina
Infraordine Oleacinoidei
Superfamiglia Oleacinoidea
Famiglia Spiraxidae
Sottofamiglia Euglandininae
Genere Euglandina
Specie E. rosea
Nomenclatura binomiale
Euglandina rosea
(Férussac, 1821)

La lumaca lupo (Euglandina rosea (Férussac, 1821)) è un mollusco gasteropode della famiglia Spiraxidae.[1]

È stata inserita nell'elenco delle 100 tra le specie invasive più dannose al mondo.[2]

DescrizioneModifica

È dotata di un guscio di grandi dimensioni (fino a 76 mm di altezza e 27,5 mm di diametro) con un colore che varia dal marrone al rosa pallido, e dalla forma affusolata.[senza fonte]

BiologiaModifica

AlimentazioneModifica

La lumaca lupo è un predatore veloce e vorace che caccia inseguendo la preda attraverso le secrezioni lasciate da altre specie, in boschi, strade e giardini urbani. Solitamente caccia specie di dimensioni inferiori, ma non disdegna di attaccare anche lumache più grandi.[senza fonte]

RiproduzioneModifica

Vive fino a 24 mesi, ed è un ermafrodita insufficiente, ovvero possiede sia l'apparato maschile, sia femminile, ma per la riproduzione necessita dell'intervento di un suo consimile. Durante la riproduzione depone circa 25-35 uova all'interno di una buca poco profonda nel terreno che poi si schiudono dopo 30 o 40 giorni.[senza fonte]

Distribuzione e habitatModifica

Questa specie è originaria del Nord America tropicale, tuttavia è diventata una specie invasiva in molti luoghi, ed è stata inserita nell'elenco delle 100 tra le specie invasive più dannose al mondo.

Questo carnivoro è stato introdotto a partire dal 1950 nelle Hawaii come mezzo di controllo biologico per contrastare la diffusione incontrollata della lumaca gigante africana (Lissachatina fulica). Tuttavia, come risultato pare che questa abbia attaccato fortemente le lumache endemiche del genere Partula, causandone l'estinzione di alcune specie, già a partire del primo anno di introduzione del predatore. Ad oggi, Euglandina rosea continua a rappresentare una minaccia persistente per la fauna locale.[senza fonte]

NoteModifica

  1. ^ (EN) MolluscaBase eds. 2020, Euglandina rosea (Férussac, 1821), in WoRMS (World Register of Marine Species). URL consultato il 31/10/2020.
  2. ^ (EN) Lowe S., Browne M., Boudjelas S., De Poorter M., 100 of the World’s Worst Invasive Alien Species - A selection from the Global Invasive Species Database (PDF), su issg.org, The Invasive Species Specialist Group (ISSG), a specialist group of the Species Survival Commission (SSC) of the World Conservation Union (IUCN), dicembre 2000 (aggiornato novembre 2004). URL consultato il 21.08.2015.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh2007005880
  Portale Molluschi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di molluschi