Eva Klein

biologa ungherese naturalizzata svedese

Eva Klein (nata Eva Fischer; Budapest, 22 gennaio 1925) è una scienziata ungherese naturalizzata svedese, meglio conosciuta per aver guidato la scoperta dei linfociti NK[1][2] e lo sviluppo delle linee cellulari del linfoma di Burkitt[3][4] negli anni '60.

Eva Klein con suo marito George Klein, Stoccolma, aprile 1979

Nata in Ungheria nel 1925, la Klein ha lavorato all'Istituto Karolinska dopo aver lasciato l?Ungheria nel 1947.[2][5] Le sue scelte di vita e di carriera come giovane donna ebrea furono limitate dalla discriminazione, e sopravvisse alle ultime fasi dell'occupazione tedesca in clandestinità.[2] Medico con un dottorato in biologia, ha lavorato nel campo dell'immunologia del cancro e della virologia. Ha perseguito le proprie linee di lavoro e ha lavorato a stretto contatto con suo marito George Klein.[6] Entrambi sono considerati i fondatori dell'immunologia del cancro.[7] Hanno tre figli.[4]

Primi anni e istruzioneModifica

Eva Fischer è nata il 22 gennaio 1925 a Budapest[8] da una famiglia ebrea benestante.[2] Frequentò la scuola privata, con un interesse per lo sport, il teatro e la scienza (ispirandosi alla vita e all'opera di Marie Curie).[6] Le sue scelte di carriera furono limitate dalla situazione politica, con il peggioramento dell'antisemitismo e della persecuzione quando l'Ungheria fu occupata dalla Germania dopo aver finito la scuola secondaria.[2][6]

La Fischer studiò medicina all'Università di Budapest[4] e tra il 1944 e il 1945 lei e molti membri della sua famiglia sopravvissero nascondendosi presso l'Istituto di istologia dell'Università di Budapest.[2] Furono aiutati da János Szirmai, il quale fornì loro anche i documenti falsi.[2] Szirmai è stato poi onorato come uno dei Giusti tra le Nazioni di Yad Vashem.[9] La Fischer interruppe brevemente i suoi studi per recitare a teatro.[6][10]

Eva sposò George Klein, all'epoca anch'egli studente di medicina, lasciando l'Ungheria per vivere in Svezia nel 1947.[2] Completò i suoi studi di medicina presso l'Istituto Karolinska a Stoccolma nel 1955.[8]

Inoltre la Klein è stata premiata con lauree ad honorem dall'Università del Nebraska nel 1993 e dall'Università statale dell'Ohio nel 2003.

CarrieraModifica

La Klein divenne assistente professore presso l'Istituto Karolinska nel 1948 e ottenne la carica di docente nel 1979.[5] Fondò le proprie aree di ricerca dal 1948 incoraggiate da Torbjörn Caspersson del Dipartimento di Ricerca sulle Cellule e Genetica del Karolinska, collaborando strettamente con il marito per tutta la sua carriera..[6][10]

Eva Klein ha pubblicato più di 500 documenti e ha lavorato come editrice del giornale Seminars in Cancer Biology.[4][11]

Vita privataModifica

Sia Eva Klein che suo marito George Klein lavorarono mentre studiavano per la loro laurea in medicina a Stoccolma.[2] Ebbero tre figli: il primogenito che è un matematico, seguito da due figlie, una delle quali è un medico e l'altra una drammaturga.[2][4][6] Discusse la sua tesi di dottorato quando era incinta di otto mesi della sua seconda figlia.[6] Anche con l'aiuto familiare, gestire la sua carriera scientifica e crescere tre figli è stata una lotta.[2] Ha anche detto che suo marito non supportava il lavoro domestico e l'educazione dei figli.[2]

Dopo il pensionamento, la Klein continua a sostenere gli studenti e persegue i suoi interessi di ricerca come professore emerito con il proprio gruppo di ricerca.[6] Un altro dei suoi interessi è tradurre la poesia ungherese in svedese.[6][12] Ha rilasciato un'intervista alla radio svedese nel novembre 2015, dicendo che continuare a lavorare la mantiene giovane a 90 anni.[13]

I Klein intrapresero un lavoro pioneristico ad ampio raggio, congiuntamente e separatamente, nell'immunologia del cancro e nel modo in cui il comportamento maligno delle cellule cancerogene possa essere soppresso dai geni nelle cellule normali.[10][14]

Maggiori traguardi e onorificenzeModifica

Negli anni '60 Eva Klein sviluppò linee cellulari dal linfoma di Burkitt che continuano ad essere utilizzate.[3][4]

Negli anni '70 i gruppi di ricerca della Klein stavano studiando se ci fosse un'interazione tra i linfociti e la risposta antitumorale.[2] La Klein si occupò di un'area che considerava critica, mentre altri no.[2] Supervisionò congiuntamente tre studenti (Rolf Kiessling, Hugh Pross e Mikael Jondal) con un altro professore (Hans Wigzell), portando alla scoperta di un tipo unico di linfocita (globulo bianco) responsabile della spontanea citotossicità, ovvero l'abilità di uccidere cellule tumorali o cellule infette con i virus.[1] La Klein diede loro il nome di "cellule killer naturali".[2]

La Klein ha avuto un interesse di lunga data in virologia e immunologia, studiando il ruolo del virus di Epstein-Barr nel linfoma di Burkitt.[6]

La Klein è diventata membro dell'Accademia reale svedese delle scienze nel 1987 e dell'Accademia ungherese delle scienze nel 1993.[8] nel 2013 è stata eletta come socia della American Association for Cancer Research Academy.[14][15]

Nel 1975 il Cancer Research Institute ha istituito il William B. Coley Award per la ricerca distintiva nell'immunologia di base e tumorale. Il premio inaugurale è stato condiviso da 16 scienziati considerati "fondatori dell'immunologia del cancro", tra cui Eva e George Klein.[7] Il loro premio ha rilevato "le scoperte di antigeni tumorali specifici nel topo, l'analisi immunologica più completa di un cancro umano, il linfoma di Burkitt".[16]

Nel 2005, l'anno dell'80º compleanno della Klein, gli scienziati dell'Istituto Karolinska hanno fondato la Fondazione George e Eva Klein, inclusa una importante donazione dal Cancer Research Institute.[senza fonte]

Nel 2010 la Klein ha ricevuto la medaglia d'argento Karolinska per la ricerca medica.[17]

NoteModifica

  1. ^ a b vol. 5, DOI:10.1002/eji.1830050209, PMID 1086218, https://oadoi.org/10.1002/eji.1830050209.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o (EN) Women Scientists: Reflections, Challenges, and Breaking Boundarie, pp. 44–48, ISBN 978-0-19-935998-1.
  3. ^ a b vol. 23, DOI:10.1002/1097-0142(196901)23:1<64::aid-cncr2820230107>3.0.co;2-m, PMID 4178827, <64::aid-cncr2820230107>3.0.co;2-m https://oadoi.org/10.1002/1097-0142(196901)23:1<64::aid-cncr2820230107>3.0.co;2-m.
  4. ^ a b c d e f About the Cover | Cancer Immunology Research, vol. 3.
  5. ^ a b ki.se, http://ki.se/en/mtc/eva-klein-celebrates-her-90th-birthday-at-mtc.
  6. ^ a b c d e f g h i j ki.se, http://ki.se/en/mtc/eva-klein-group.
  7. ^ a b cancerresearch.org, http://www.cancerresearch.org/about/annual-awards/william-b-coley-award.
  8. ^ a b c ki.se, http://ki.se/sites/default/files/evaklein_cv.pdf.
  9. ^ yadvashem.org, https://www.yadvashem.org/yv/en/righteous/statistics/hungary.pdf.
  10. ^ a b c vol. 7, DOI:10.1146/annurev.iy.07.040189.000245, PMID 2653367, https://oadoi.org/10.1146/annurev.iy.07.040189.000245.
  11. ^ Seminars in Cancer Biology
  12. ^ ki.se, http://ki.se/sites/default/files/eva_klein_poetry.pdf.
  13. ^ Cancerforskaren Eva Klein, 90: Arbetet håller mig ung - P4 Stockholm | Sveriges Radio.
  14. ^ a b Eva Klein, MD, PhD, su aacr.org.
  15. ^ Fellows of the AACR Academy, su aacr.org.
  16. ^ vol. 36, http://cancerres.aacrjournals.org/content/36/5/local/front-matter.pdf.
  17. ^ Jubileumsmedaljer | Karolinska Institutet, su ki.se.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN121452385 · ISNI (EN0000 0000 7937 6430 · LCCN (ENn2014076326 · BNF (FRcb127132720 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n2014076326