Apri il menu principale
F 1
Descrizione generale
Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg
Tiposommergibile di piccola crociera
ClasseF
ProprietàFlag of Italy (1861-1946) crowned.svg Regia Marina
CantiereOdero, Sestri Ponente
Impostazione1º ottobre 1915
Varo2 aprile 1916
Entrata in servizio20 ottobre 1916
Radiazione2 giugno 1930
Destino finaledemolito
Caratteristiche generali
Dislocamento in immersione319 t
Dislocamento in emersione262 t
Lunghezza46,5 m
Larghezza4,22 m
Pescaggio3,1 m
Profondità operativa40 m
Propulsione2 motori Diesel FIAT da 700 CV
2 motori elettrici Savigliano da 500 cv complessivi
2 eliche
Velocità in immersione 8 nodi
Velocità in emersione 12,5 nodi
Autonomiain emersione 1300 miglia nautiche a 9,3 nodi
o 912 mn a 12,5 nodi
in immersione 139 mn a 1,5 nodi
o 8 mn a 8 nodi
Equipaggio2 ufficiali, 24 sottufficiali e marinai
Armamento
Armamento
Note
MottoStrenue descendens victor ascendens[1] ("Ardimentoso scendo, vittorioso salgo")

dati tratti da www.betasom.it e www.xmasgrupsom.com

voci di sommergibili presenti su Wikipedia

L’F 1 è stato un sommergibile della Regia Marina.

StoriaModifica

Con il capitano di corvetta Guido Calieri come comandante, una volta operativo – dicembre 1916 – divenne capo flottiglia della Flottiglia Sommergibili di Ancona[2][3].

Fu impiegato principalmente in funzione offensiva, lungo le coste dell'Adriatico facenti parte dell'Impero austro-ungarico e lungo le rotte mercantili nemiche; fu impiegato anche per la difesa di Venezia e della costa occidentale dell'Adriatico[3][2].

Nel gennaio 1917 aveva base a Venezia e ne era comandante il tenente di vascello Cavalleri di Sala[4].

Effettuò in tutto 30 missioni di guerra, tutte prive di risultati[3][2].

Assegnato alla flottiglia di Venezia nel primo dopoguerra, vi rimase dal 1918 al 1921[2][3].

Nel maggio 1921 fu invece destinato alla II Flottiglia Sommergibili e spostato a Taranto[2].

Prese parte all'esercitazione del 1925[3].

Alle gare di attacco e lancio siluri del 1926 ricevette il secondo premio[2][3].

Fu radiato nel 1930[3] e demolito.

NoteModifica

  1. ^ I motti delle Navi Italiane, Roma, Ufficio Storico della Marina Militare, 1998, p. 67
  2. ^ a b c d e f Classe F (1915) - Betasom - XI Gruppo Sommergibili Atlantici
  3. ^ a b c d e f g Sommergibili Classe F
  4. ^ Franco Favre, La Marina nella Grande Guerra. Le operazioni aeree, navali, subacquee e terrestri in Adriatico, p. 206
  Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marina