Apri il menu principale
F 4
Descrizione generale
Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg
Tiposommergibile di piccola crociera
ClasseF
ProprietàFlag of Italy (1861-1946) crowned.svg Regia Marina
CantiereOrlando, Livorno
Impostazione8 giugno 1915
Varo19 novembre 1916
Entrata in servizio18 gennaio 1917
Radiazione1º settembre 1919
Destino finaledemolito
Caratteristiche generali
Dislocamento in immersione319 t
Dislocamento in emersione262 t
Lunghezza46,5 m
Larghezza4,22 m
Pescaggio3,1 m
Profondità operativa40 m
Propulsione2 motori Diesel FIAT da 700 CV
2 motori elettrici Savigliano da 500 cv complessivi
2 eliche
Velocità in immersione 8 nodi
Velocità in emersione 12,5 nodi
Autonomiain emersione 1300 miglia nautiche a 9,3 nodi
o 912 mn a 12,5 nodi
in immersione 139 mn a 1,5 nodi
o 8 mn a 8 nodi
Equipaggio2 ufficiali, 24 sottufficiali e marinai
Armamento
Armamento

dati tratti da www.betasom.it e www.xmasgrupsom.com

voci di sommergibili presenti su Wikipedia

L'F 4 è stato un sommergibile della Regia Marina.

StoriaModifica

Operativo nel gennaio 1917, fu messo sotto il controllo del Comando in Capo del Dipartimento di La Spezia[1][2].

Fu impiegato nel Tirreno settentrionale e nell'area di La Maddalena, svolgendo crociere e pattugliamenti antisommergibile[1][2].

Il 3 aprile 1917, in rotta La Maddalena-La Spezia con la scorta dell'unità appoggio Ercole, attaccò col cannone un sommergibile avversario, che s'immerse e si allontanò[1][2].

Il 7 luglio 1917, mentre era nel porto di La Spezia, fu compiuta una manovra sbagliata nel locale lancio siluri che provocò l'allagamento del sommergibile: l'F 4, abbandonato dall'equipaggio (senza vittime), sbandò sul lato di dritta ed affondò di prua su bassifondali in ripida discesa[1][2].

Fu rimesso a galla ed immesso in bacino di carenaggio, tornando in servizio dopo diversi mesi di lavori[1].

Il 23 ottobre 1918 fu assegnato alla III Squadriglia Sommergibili e dislocato a Brindisi[1][2].

Non svolse più nessuna missione di guerra fino al disarmo, avvenuto a fine guerra[2].

Radiato nel 1919[1], fu avviato alla demolizione.

NoteModifica

  Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marina