Apri il menu principale

Fabio Nannarelli

poeta, patriota, insegnante e traduttore italiano

Fabio Nannarelli (Roma, 25 ottobre 1825Corneto, 29 maggio 1894) è stato un poeta, patriota, traduttore e docente italiano.

Indice

BiografiaModifica

 
Melchiorre Fontana, Assalto delle truppe francesi a Roma nel 1849, circa 1860

Fabio Nannarelli, nato a Roma il 25 ottobre 1825 e morto a Corneto (oggi, Tarquinia), il 29 maggio 1894 è stato poeta, traduttore e professore d'Italiano. Nel 1849 combatté al Gianicolo, in difesa della Repubblica romana. Fu precettore in casa dei principi Ruspoli. Nel 1856 entrò in contatto con il gruppo dei poeti della Scuola romana che frequentavano le sessioni settimanali dell'Accademia Tiberina e di sera si ritrovavano ai tavolini del caffè Nuovo, a piazza San Lorenzo in Lucina (Palazzo Ruspoli), a discutere di lingua e di letteratura italiana, di poesia latina e greca.

Nel 1860 si trasferì a Milano, dove insegnò Italiano all'Accademia di Brera, grazie all'interessamento di Terenzio Mamiani. A Milano ha poi ricoperto la cattedra di Letteratura italiana ed Estetica nell'Accademia Scientifico-letteraria. Nel 1871 è tornato a Roma ed è stato nominato professore di Letteratura italiana alla Sapienza. Classicheggiante, tra i poeti della Scuola romana si distingue per i saggi danteschi e per le traduzioni dal tedesco. Fu amico intimo del giovane duca Giovanni Torlonia (1831-1858). Trascorreva l'estate ad Arlena di Castro, dove la famiglia della moglie possedeva alcune proprietà terriere. La sua tomba è nel Cimitero di Tarquinia, nella cappella dei Falzacappa.

Una sua poesiaModifica

A una “Primula veris”

 
Primula veris ENBLA05

O primoletta, ch'a lo stel natio
Tolse per me gentile amica mano,
Ben veggo, tu languisci nel desio
D'un bene omai per sempre a te lontano:
E chi ti colse, ed io che t'amo, anch'io,
Ci struggiam di desire e forse invano!
Tu più non speri e già morte ti preme!...
Noi vivrem, finché in noi vive la speme!

(16 del 1856)

OpereModifica

PoesieModifica

  • La nascita di Giovanni Mastai, 1847.
  • Poesie, 1853.
  • Nuove Poesie, 1856.
  • Il velino: canto, 1862
  • Dante e Beatrice: visione, 1865 (con dedica a Giovanni Torlonia).
  • Giuseppe Aurelio Costanzo: nuovi versi, 1873.[1]
  • Nuovi Canti, 1875.
  • Nuove Liriche, 1881.
  • Sui capelli di Garibaldi raccolti in urna nella mia sala, 1884.

ProseModifica

  • Giovanni Torlonia, 1859.
  • Lucia:, racconto, 1864.
  • Della ragione estetica nella Divina commedia, 1868.
  • Studio comparativo sui canti popolari di Arlena, 1871.
  • Il Paradiso di Dante, 1872.
  • Nella inaugurazione del monumento posto ad Alessandro Manzoni nella Università di Roma addì 26 maggio 1878: discorso, 1878.
  • La morte di Pio IX, 1878.
  • Usca la settimia, ed altri racconti, 1886.

TraduzioniModifica

  • Nikolaus Lenau, Fausto, traduzione di Fabio Nannarelli, 1850
  • Saggio di traduzioni dal tedesco, 1867?
  • Christian Dietrich Grabbe, Don Giovanni e Fausto: tragedia, traduzione di Fabio Nannarelli, 1884.

Suoi versi musicatiModifica

  • Giovanni Sgambati, Canto della sonnambula alla luna, poesia di Fabio Nannarelli, s. d.
  • Giovanni Sgambati, Sul lago: duetto, poesia di Fabio Nannarelli, s. d.
  • Giovanni Sgambati, Prima perdita, poesia di Goethe, traduzione di Fabio Nannarelli, s.d.

ManoscrittiModifica

  • Roma. Biblioteca Angelica. (Lettere di Fabio Nannarelli a Ettore Novelli).
  • Roma. Biblioteca Angelica. Gnoli. Autografi. (Lettere di Fabio Nannarelli a Domenico Gnoli).
  • Roma. Biblioteca Alessandrina. Manoscritti originali di Fabio Nannarelli, donati dalla vedova Filomena Falzacappa.

NoteModifica

  1. ^ Poeta e letterato, professore e Direttore dell'Istituto Superiore di magistero femminile di Roma.

BibliograficaModifica

  • Paolo Emilio Castagnola, I Poeti Romani della seconda metà del secolo 19, Imola, Galeati, 1895.
  • Domenico Gnoli, I Poeti della Scuola romana (1850-1870), Bari, Laterza, 1913, SBN IT\ICCU\LIA\0064638.
  • AA VV Dizionario del Risorgimento nazionale, 1930-1937 v. IV, a. v, Milano, Vallardi.
  • Ferruccio Ulivi, I poeti della Scuola Romana dell'Ottocento. Antologia, Bologna, Cappelli, 1964, SBN IT\ICCU\MOD\0089750.
  • Ferdinand Gregorovius, Passeggiate per l'Italia, Roma, Edizioni dell'Obelisco, 1980.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN89231020 · ISNI (EN0000 0000 6246 9083 · SBN IT\ICCU\LO1V\091137 · BAV ADV10969736