Apri il menu principale

Felipe de Castro

scultore spagnolo (1711-1775)
Busto di Felipe de Castro, opera di Juan Sanmartín y Senra.

Felipe de Castro (Noia, 1711Madrid, 25 agosto 1775) è stato uno scultore spagnolo.

BiografiaModifica

Dopo aver compiuto un corso di studi nella sua città ed a Santiago di Compostela, Castro si trasferì dapprima a Lisbona (1724) e poi a Siviglia, residenza in quel momento della Corte, entrando a lavorare nel laboratorio di Pedro Duque y Cornejo per studi di perfezionamento. [1]

A Siviglia eseguì, sotto la direzione di Cornejo, statue di San Leandro e San Isidoro, per la pala d'altare della Virgen de las Aguas nella chiesa di San Salvador.

Quando lo stile neoclassico incominciò a penetrare anche in Spagna, Castro si recò a Roma, nel 1734, per osservare i monumenti ed i marmi antichi.[2] Nella città capitolina collaborò con Giuseppe Rusconi e Filippo della Valle e conobbe Anton Raphael Mengs.

A Roma nel 1739 vinse il primo premio per la scultura all'Accademia di San Luca.[3] Tra le sue opere romane, Castro si mise in evidenza per la rappresentazione degli angeli, realizzata per la basilica di Sant'Apollinare.

Al suo rientro in patria ottenne l'incarico direttivo dell'Accademia fondata da Ferdinando VI, ove ebbe tra i suoi allievi Manuel Francisco Álvarez de la Peña e Jerónimo Antonio Gil.[3] Per aiutarsi in questo compito, ha tradotto dalla Toscana e pubblicato nel 1753 la lezione di Benedetto Varchi. Castro fu un uomo dotto e un lettore colto.[3]

Da questo momento Castro intraprese una serie di opere storiche, commemorative e celebrative, tra le quali si annoverò il busto Ferdinando VI che presenta lo statuto dell'Accademia, che rappresentava il re attorniato da figure mitologiche allegoriche, come la regina Barbara sotto le sembianze di Minerva.[2]

Oltre a quest'opera, i busti di Ferdinando VI e della regina Barbara confermarono il talento dello scultore, che non aderì completamente alla lezione neoclassica, conservando elementi rococò sia per i panneggi sia per la concezione del modellato.[2]

Sia il rilievo della Battaglia di Salado sia le monumentali statue di Teodosio e di Traiano, realizzate a Madrid furono tra le ultime opere significative dello scultore.

NoteModifica

  1. ^ Ceán Bermúdez, vol. III, p. 295.
  2. ^ a b c Le Muse. Enciclopedia di tutte le arti, vol. III, Novara, De Agostini, 1964, p. 153.
  3. ^ a b c (ES) Castro, Felipe de, su museodelprado.es. URL consultato il 24 giugno 2018.

BibliografiaModifica

  • (ES) Juan Agustín Ceán Bermúdez, Diccionario histórico de los más ilustres profesores de las Bellas Artes en España, Madrid, 1800.
  • (ES) Juan José Martín González, Escultura barroca en España, 1600-1770, Madrid, 1983.
  • (ES) Ian Chilvers, Harold Osborne e Dennis Farr, Diccionari d'Art d'Oxford. Des del segle V a.C. fins a l'actualitat, Barcellona, 1996.
  • (ES) Silverio Cañada, Castro, Felipe de, in Gran Enciclopedia Galega, 1974, pp. 247–248.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN45603417 · ISNI (EN0000 0001 2279 3521 · LCCN (ENn80093553 · GND (DE133741389 · ULAN (EN500014722 · CERL cnp01131028 · WorldCat Identities (ENn80-093553