Ferrovia decauville dell'esposizione universale di Parigi

La ferrovia decauville dell'Esposizione universale di Parigi era una ferrovia Decauville a scartamento ridotto (600 mm) lunga tre chilometri in esercizio durante l'Esposizione universale di Parigi dal 6 maggio al 31 ottobre 1889. Tale collegamento partiva dall'area verde Esplanade des Invalides e raggiungeva l'Avenue de Suffren.

PercorsoModifica

 
Stazione Concorde ( Esplanade des Invalides ).
 
Sottopasso alla Torre Eiffel ( Pont d'Iéna ).
 
Stazione della Torre Eiffel (Pont d'Iéna).
 
Stazione del Palais des Machines (Avenue de Suffren)

L'area dell'Esposizione universale del 1889 era troppo grande per poter essere esplorata a piedi. Di conseguenza, fu costruita una ferrovia interna per collegare gli edifici espositivi dell'Esplanade des Invalides a quelli situati sotto la Torre Eiffel. La linea ferroviaria, lunga tre chilometri, iniziava a 250 metri di distanza dal Pont de la Concorde, presso il Ministero degli Affari Esteri vicino alla Senna. La ferrovia attraversava l'Esplanade des Invalides e seguiva il Quai d'Orsay sulle rive della Senna, all'interno della superficie dell'Esposizione, tra le due fila di alberi più lontani dalla riva. La ferrovia attraversava il Boulevard de La Tour-Maubourg con un passaggio a livello, imboccava un tunnel di 106 metri sotto Avenue Rapp e Avenue Bosquet, passava la Avenue de La Bourdonnais, per poi superare un passaggio sotterraneo vicino alla Torre Eiffel. Questi svoltava infine a sinistra, ad angolo retto, sulla Avenue de Suffren per proseguire fino all'ultima fermata alla Galerie des Machines[1].

Oltre alle due stazioni terminali, vi erano tre fermate sul Quai d'Orsay: la prima all'incrocio di Maldella zona la seconda al Palace des produits alimentaires, la terza all'angolo fra il Quai d'Orsay e l'Avenue de Suffren. Le infrastrutture e i veicoli ferroviari erano furono forniti società Decauville. La linea era a doppio binario con un'intervia di due metri[1].

Gli edifici della stazione terminale erano visibili da lontano, di modo da essere notati dai visitatori. Le loro forme insolite, originali e pratiche, sono attribuibili al giovane architetto Louis Gaillot, figlio di uno dei costruttori. Le pensiline che coprivano le banchine offrivano protezione dalle intemperie e nelle ultime stazioni erano allestiti buffet dove i passeggeri potevano incontrarsi e riposare[2].

CostruzioneModifica

La pista fu progettata da Adolphe Alphand, direttore generale dei lavori, il quale incaricò Antoine Gaillot e Paul Gallotti di commissionare la sua costruzione all'impresa Gaillot e C.le sotto la supervisione di Jules Lion[3], l'ingegnere dell'Esposizione[2]. La costruzione fu diretta dal vice capo-ingegnere e responsabile della lavorazione dei metalli J. Charton, celebre per la costruzione della ferrovia a Champ-de-Mars[1].

EsercizioModifica

Vi erano alcune norme che, emanate dalla società responsabile del progetto, regolamentavano l'utilizzo della linea: i treni dovevano partire dai terminal ogni dieci minuti dalle 9 a mezzanotte, per un totale di sei treni all'ora o 90 treni al giorno in ciascuna direzione mentre la domenica il traffico dei convogli raggiungeva le 150 corse in ciascuna direzione[4]. Sebbene il percorso fosse stato completamente isolato dal trasporto pubblico fu stabilita, su gran parte dell'itinerario, la velocità massima di 10 km/h che avrebbe dovuto esser ridotta a 4 km/h in alcuni punti, in prossimità dei passaggi a livello soprattutto, dove un addetto agli scambi precedeva il treno. La lunghezza dei convogli non poteva superare i 50 metri e tutti disponevano di freno ad azione rapida [1].

Il prezzo unico era di 0,25 franchi per persona in carrozza aperta e 0,50 franchi in carrozza-salone, indipendentemente dalla durata del viaggio. I visitatori potevano acquistare per tempo i biglietti in molti punti vendita ed era sufficiente esibirli al personale ferroviario per accomodarsi nella vettura. All'uscita i titoli di viaggio venivano depositati vicino ai tornelli [1]. Secondo i dati ufficiali 6 342 446 visitatori viaggiarono in sei mesi di esercizio[5][6].

Per motivi di sicurezza c'era un segnale telecomandato a forma di disco ad ogni fermata, il quale poteva poteva essere rilasciato solo dopo la chiusura della barriera. Tutti i treni erano annunciati da un sistema di avviso acustico elettronico situato al passaggio a livello della stazione più vicina. Vi era infine un servizio telefonico in ogni stazione [1].

LocomotiveModifica

Sulla ferrovia furono utilizzate solo alcuni tipi di locomotive a vapore e una di queste, la locomotiva Fairlie (in coppia), progettata appositamente per l'uso militare, fu suggerita dal capitano di artiglieria Péchot. Vi erano inoltre alcune locomotive Mallet e le carrozze usate per trasportare i visitatori erano simili a quelle dall'Esercito [1].

Vi erano circa 12 locomotive a vapore e 100 carrozze di vario tipo in servizio. Lo svedese Fredrik Arvidsson Posse acquistò due locomotive in mostra a Parigi (la Massouah e la Turkestan), due autovetture, e del materiale d'armamento, e le espose in occasione dell'inaugurazione della ferrovia svedese Helsingborg-Råå-Ramlösa il 16 luglio 1891[7][8]. Altre locomotive esposte furono successivamente utilizzate sulla linea tranviaria di Royan, sulle ferrovie del Calvados e sulla Diego Suarez - Camp d'Ambre[5][9].

Classificazione Peso Numero del produttore Numero del gestore Nome Note
0-4-0T 3 t Couillet 903/1887 Decauville 56/1887 Ma Camarade (Il mio compagno) più tardi Marc Seguin Venduto a De Malzine, Carrières de Rogeries, dipartimento Nord[10].
0-4-0T 3 t Decauville 49 La Mignonne (Il carino) Venduto alla ferrovia Decauville Diego Suarez - Amber Camp [9].
0-4-4-0T
Pechot [1]
9.5 t Pechot 1 Decauville 57 France (Francia) Peso operativo di 12 t, venduto alla direzione di artiglieria di Toul (N° 1).
0-4-4-0T
mazzuolo
9.5 t Tubize 661/1887 Decauville 52 Sergent Bobillot Peso operativo di 12 t, [11] grado di sopportare una pendenza dell'8% con raggi di curvatura da 20 a 35 m su rotaie con un peso per metro di 9,5 kg/m[12].
0-4-4-0T
mazzuolo
9.5 t Tubize 697/1887 Decauville 58 Lo farò più tardi, Kosta È stato offerto nel catalogo Canon Legrand di Mons e Raismes [13] venduto a Hummel in Svezia.
0-4-4-0T
mazzuolo
9.5 t Tubize 713/1888 Decauville 59/1889 [10] Città di Laon

più tardi Diego Ferre

Venduto nel 1891 alla linea tranviaria di Royan, poi nel 1896 attraverso il rappresentante di Decauville, Ayulo & Cie, nella piantagione di zucchero di Pardu (Perù).
0-4-4-0T
mazzuolo
9.5 t Tubize 736/1889 Decauville 72/1889 Kairoruan

più tardi Varaville

Venduto nel 1891 alla linea tranviaria di Royan, poi alle ferrovie del Calvados (n.6).
0-4-4-0T
mazzuolo
9.5 t Tubize 751/1889 Decauville 74/1889 Australia

più tardi Cabourg

Venduto nel 1891 alla linea tranviaria di Royan, poi alle ferrovie del Calvados (n.1).
0-4-4-0T
mazzuolo
9.5 t Tubize 752/1889 Decauville 75/1889 Dumbarton

più tardi Madagascar

più tardi Sallenelles

Venduto alle Chemins de fer du Calvados (N° 2, Sallenelles) nel 1892, a Bourillon & Pelleron nel 1908.

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h (FR) Chemin de Fer-Tramway Decauville de l'exposition Paris 1889-Texte de F. Frédéric Moreau, Ingénieur civil des Mines, su worldfairs.info, 3 febbraio 2011. URL consultato il 2 maggio 2020.
  2. ^ a b (FR) Chemin de Fer-Tramway Decauville de l'exposition Paris 1-Texte repris du Livre "L'exposition de Paris - 1889", su worldfairs.info, 3 febbraio 2011. URL consultato il 2 maggio 2020.
  3. ^ (FR) Le Moniteur de l'exposition de 1889, su cnum.cnam.fr, 1º ottobre 2015. URL consultato il 2 maggio 2020.
    «M. Jules Lion. Ingénieur des travaux (n.n.)».
  4. ^ (EN) Paris Exhibition: The Decauville Railway and Stock., su rawsonplace.esmartdesign.com (archiviato dall'url originale il 1º maggio 2007)..
  5. ^ a b (EN) Andy Hart, Un p’tit Calva, SNCF Society. URL consultato il 2 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 30 ottobre 2007).
  6. ^ (FR) Decauville 1853–1953 (PDF), su gibitrains.pagesperso-orange.fr. URL consultato il 2 maggio 2020.
  7. ^ (SV) Decauvillesystemet - från Paris till mörkaste Småland (PDF), su arbetsam.com, 27 maggio 2009. URL consultato il 2 maggio 2020.
  8. ^ (EN) Östra Södermanlands Järnväg: Helsingborg-Råå-Ramlösa Railway (HRRJ), su oslj.nu. URL consultato il 2 maggio 2020.
  9. ^ a b (FR) Histoire: A toute vapeur dans la campagne : les locos de Diego Suarez (2), su latribune.cyber-diego.com, 25 luglio 2012. URL consultato il 2 maggio 2020.
  10. ^ a b (FR) Les Tramways de Royan, su passion-metrique.net, 3 ottobre 2015. URL consultato il 2 maggio 2020.
  11. ^ H. Paur: Neuerungen im Locomotivbau: Vortrag. Schweizerische Bauzeitung, Band (Jahr): 15/16 (1890), Heft 13
  12. ^ (EN) Kerr Stuart Engravings, su irsociety.co.uk. URL consultato il 2 maggio 2020.
  13. ^ (FR) Le catalogue du chanoine Legrand à Mons (Belgique) et Raismes (Nord de la France) (PDF), su mot.be. URL consultato il 2 maggio 2020.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Parigi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Parigi