Apri il menu principale

La fiducia in Dio

Statua in marmo dello scultore Lorenzo Bartolini
(Reindirizzamento da Fiducia in Dio)
La fiducia in Dio
Lorenzo Bartolini (1877-1850) Fiducia in Dio (1833).jpg
L'opera fotografata alle Gallerie d'Italia di Milano
AutoreLorenzo Bartolini
Data1833
Materialemarmo bianco
Altezza93 cm
UbicazioneMuseo Poldi Pezzoli, Milano
Coordinate45°28′07.24″N 9°11′28.94″E / 45.468678°N 9.191372°E45.468678; 9.191372Coordinate: 45°28′07.24″N 9°11′28.94″E / 45.468678°N 9.191372°E45.468678; 9.191372

La fiducia in Dio è una statua in marmo bianco a grandezza naturale del 1833 dello scultore toscano Lorenzo Bartolini (1777-1850) conservata al Museo Poldi Pezzoli di Milano.

Storia dell'operaModifica

Fu commissionata dalla marchesa Rosina Trivulzio (1800-1859),[1] già ritratta nel 1828 dal Bartolini in un busto-ritratto ancora oggi conservato al Poldi Pezzoli, alla morte del marito Giuseppe Poldi Pezzoli d'Albertone (1768-1833).[2]

La donna chiese all'artista di rappresentare il suo dolore e la sua devozione a Dio dopo la morte del marito. Bartolini decise quindi di rappresentare la donna come una giovane nuda, con i capelli raccolti in uno chignon, accasciata e con le mani intrecciate strette in grembo in segno di profonda e pia preghiera. La bocca è socchiusa e gli occhi rivolti verso l'alto, in segno di profonda devozione. La linea è sinuosa e armonica. Rappresenta esattamente il concetto di bello naturale, che per Bartolini era di fondamentale importanza. L'idea della posa fu ispirata da una modella che si riposava dopo una sessione di posa.

Prima di essere consegnata alla sua committente, la statua fu esposta a Firenze, a Parma e, nel 1837, all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano.[3] Dell'opera esiste una copia al Museo dell'Ermitage e una al Museo nazionale dell'Azerbaigian; il gesso preparatorio è conservato all Museo di Palazzo Pretorio a Prato.

NoteModifica

  1. ^ Rosina Trivulzio 1800-1859, su EFL - Enciclopedia delle Famiglie Lombarde, https://servizi.ct2.it.
  2. ^ Lorenzo Bartolini - inv. 1117, su Museo Poldi Pezzoli, http://www.museopoldipezzoli.it.
  3. ^ I. R. Accademia delle Belle Arti, Esposizione delle opere degli artisti e dilettanti nelle gallerie dell'I. R. Accademia delle Belle Arti per l'anno 1837, Milano, Imp. Regia Stamperia, 1837, p. 32, ISBN non esistente. Ospitato su archive.org.

Altri progettiModifica