Fieracavalli

Fieracavalli è un'esposizione fieristica dedicata ai cavalli e all'equitazione che si svolge a Verona con cadenza annuale dal 1898 a inizio di novembre. È considerata la più grande manifestazione equestre in Italia. Dal 2001 la manifestazione ospita l'unica tappa italiana della Rolex FEI World Cup Jumping, gran premio internazionale di salto ad ostacoli.

Fiera Cavalli in una cartolina d'epoca.

StoriaModifica

Fieracavalli ha le sue radici nel 1898, quando per deliberazione della Civica Amministrazione veronese, nascono le Fiere semestrali di cavalli, dando così inizio alla serie di fiere “moderne” in cui si espongono, oltre a molti cavalli, le merci ed i prodotti che interessano principalmente il mondo rurale. Nel 1930, con la costituzione dell’Ente Autonomo per le Fiere di Verona, la Fieracavalli si trasforma in Fiera Internazionale dell’Agricoltura e dei cavalli ed entra a far parte delle grandi manifestazioni internazionali con l’ammissione all’Union des Foires Internationales (U.F.I.). Da allora, ma soprattutto a partire dal 1948, quando l’Ente istituisce il 1º Salone della Macchina Agricola, l’interesse per i cavalli diminuisce drasticamente sino al 1976, quando, riprendendo la tradizione delle antiche Fiere Cavalli, l’Ente realizza la 1ª Fiera Internazionale dei Cavalli-Fieracavalli che comprende anche il 1º Salone delle attrezzature e attività ippiche. Per l’edizione del 1978 la manifestazione ottiene il riconoscimento internazionale e ad essa viene attribuita la stessa numerazione della Fieragricola.

Gala d'OroModifica

La crescita esponenziale di pubblico della nuova Fieracavalli indusse l’allora presidente Angelo Betti[1] e il direttore commerciale Roberto Gobbi [2] a creare uno spettacolo di animazione da proporre al pubblico per la sera. Dopo alcuni esperimenti con qualche ospite occasionale, nel 1985 l’Ente decise di intraprendere una nuova strada scritturando un giovane regista veronese, Antonio Giarola, che realizzò lo spettacolo con interpreti forniti direttamente dall’Ente Fiere. Lo spettacolo si è tenuto ogni anno da allora, coinvolgendo numerosi artisti del settore equestre, fra cui Mario Luraschi e i suoi “Cascadeurs de Paris”, Flavio Togni, Andrsej Salacki, Max Dardenne, Eva Schakmunde.

Altri progettiModifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica