Apri il menu principale

Filippo Taglioni

ballerino e coreografo italiano
Filippo Taglioni ritratto di anonimo, conservato al Museo del Teatro alla Scala a Milano.

Filippo Taglioni (Milano, 5 novembre 1777Como, 11 febbraio 1871) è stato un ballerino e coreografo italiano. È il padre riconosciuto del balletto romantico.

Fu il coreografo della versione originale del balletto La Sylphide (1832) ed il padre dei ballerini Paolo e Maria Taglioni.

BiografiaModifica

Nato e cresciuto in Italia, debuttò come danzatore all'età di diciassette anni a Pisa in parti en travesti. Danzò in varie altre città d'Italia prima di diventare un ballerino dell'Opéra di Parigi nel periodo in cui Pierre Gardel e Auguste Vestris dominavano in maniera totalitaria la scena della danza a Parigi. Per questo, Taglioni fu ben contento quando gli proposero di diventare maître de ballet a Stoccolma, in Svezia. A Stoccolma, nel 1803, si sposò con Sophie Karsten, figlia di un famoso cantante d'opera svedese ed ebbero due figli: Maria Taglioni e Paolo Taglioni, che entrambi diventeranno danzatori.

In seguito la famiglia visse a Vienna e in Germania per scappare al pericolo delle guerre napoleoniche, Filippo trasferì la famiglia a Parigi. Danzò e coreografò in tutta Europa, soprattutto in Italia, Austria, Svezia, Danimarca e Germania. Alla fine fu invitato a stabilirsi a Vienna per lavorare per il Teatro Karntnertor. Una volta stabilitosi in questa città, chiamò a sé la figlia Maria da Parigi. Quando la figlia arrivò, Filippo si rese conto della sua preparazione artistica insufficiente e iniziò ad allenarla lui stesso. Per sei mesi la costrinse a studiare sei ore al giorno, usando una tecnica stabile e ferma. Cercò di rendere il suo stile leggero e delicato, con un'enfasi particolare sul "ballon" nei salti e sull'uso delle punte, cose non ancora provate a quei tempi. Quando ritenne che la figlia fosse pronta, ritornò a Parigi. Dopo il suo debutto, Marie diventò così popolare che Filippo riuscì a negoziare un contratto di sei anni per entrambi. La prima trionfale de La Sylphide il 12 marzo 1832 rese lei la più acclamata prima ballerina del periodo romantico e lui il più famoso coreografo del tempo. Da quella notte si fa iniziare il periodo romantico del balletto. Grazie all'immenso successo, padre e figlia viaggiarono insieme in Europa e in Russia.

Invecchiando, Filippo diventò eccentrico e imprevedibile e alla fine perse tutte le fortune che Maria aveva oculatamente messo da parte investendo in speculazioni azzardate. Ciò nonostante, è riconosciuto come il pioniere di uno stile nel balletto che avrebbe per sempre cambiato la natura di quest'arte.

Un'altra silfideModifica

Il balletto romantico La Sylphide arrivato sino a noi è del coreografo danese August Bournonville, andato in scena con il titolo danese Sylfiden il 28 novembre 1836 a Copenaghen con Lucile Grahn e Bournonville stesso nella parte di James. La musica per questo balletto venne completamente riscritta da Hermann Severin von Løvenskjold. La musica usata da Taglioni invece era di Jean-Madéleine Schneitzhoeffer.

Altre coreografieModifica

Oltre alla Sylphide, Taglioni creò vari balletti, spesso interpretati dalla figlia Maria, fra cui:

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Andros on Ballet, su michaelminn.net. URL consultato il 4 dicembre 2006 (archiviato dall'url originale l'8 settembre 2005).
Controllo di autoritàVIAF (EN37022097 · ISNI (EN0000 0001 1948 5966 · SBN IT\ICCU\RMLV\036062 · LCCN (ENn83015672 · GND (DE117197343 · BNF (FRcb12499792k (data) · CERL cnp01084961 · WorldCat Identities (ENn83-015672