Apri il menu principale

Flavio Abundanzio (latino: Flavius Abundantius; floruit 392-400; ... – ...) è stato un militare e politico romano, generale dell'Impero.

BiografiaModifica

Abundanzio era di origine scita ed entrò nell'esercito romano sotto l'imperatore Graziano raggiungendo il prestigioso incarico di magister utriusque militiae sotto l'imperatore Teodosio I intorno all'anno 392; nel 393 fu console.

L'eunuco Eutropio, che lui stesso aveva introdotto alla corte di Costantinopoli, ne causò la caduta, convincendo l'imperatore a mandare Abundanzio in esilio a Pityus (nel Ponto Eusino) nel 396 e a donare all'eunuco delatore le proprietà confiscate ad Abundanzio. Dopo la morte di Eutropio, ottenne di potersi recare nella più accogliente Sidone, in Fenicia. Era ancora vivo nel 400.

BibliografiaModifica

  • Otto Seeck, "Abundantius 1", Paulys Realencyclopädie der classischen Altertumswissenschaft