Apri il menu principale
Fluxbuntu
Logo
Fluxbuntu-7.10 using Abiword.png
Uno screenshot di Fluxbuntu
SviluppatoreJoe Jaxx Foundation
Famiglia SOPOSIX
Release iniziale7.04
Release corrente7.10
Tipo di kernelKernel monolitico
Piattaforme supportatex86 x64
Interfacce graficheFluxbox
Tipologia licenzaSoftware libero
LicenzaGNU GPL
Stadio di sviluppoInattivo
Sito web

Fluxbuntu è stata una distribuzione GNU/Linux basata su Ubuntu.L'ultima release stabile era basata su Ubuntu 7.10 ed era disponibile per le piattaforme x86 e x64.

L'obiettivo di questa distribuzione era offrire un sistema stabile a computer ormai obsoleti. Per far ciò, usava Fluxbox come window manager, leggero e personalizzabile. Oltre al sistema, erano inclusi software essenziali e poco pesanti, come AbiWord.

InstallazioneModifica

Era disponibile solo in versione DesktopCD, che si avviava come LiveCD con la possibilità di installare il sistema sul disco fisso.

Per avviare l'installazione, bisognava aprire il terminale e digitare "sudo ubiquity". L'installer, come si nota dal nome, era lo stesso del LiveCD di Ubuntu.

L'avvio è identico a quello del DesktopCD di Ubuntu, ma per poter accedere al desktop era necessaria un'autenticazione, inserendo un nome utente e una password presenti sul sito ufficiale della distribuzione.[1]

Parco SoftwareModifica

Nonostante occupasse pochissimo spazio su disco, includeva software per ogni esigenza:

  • Kazehakase come browser web;
  • AbiWord per l'elaborazione dei testi;
  • Gnumeric per i fogli di calcolo;
  • Pidgin per la messaggistica istantanea multiprotocollo;
  • Totem per a riproduzione di contenuti multimediali.
  • Claws Mail come client e-mail

Il window managerModifica

Utilizzava la versione 1.0 di Fluxbox, leggerissimo e che permetteva un'elevata personalizzazione del sistema e gradevoli trasparenze per applicazioni come il terminale. Era installato di default Fbdesk, per il supporto delle icone nel desktop.

NoteModifica

  1. ^ Help!I Can't Logon!, su wiki.fluxbuntu.org (archiviato dall'url originale il 27 dicembre 2007).

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica