Apri il menu principale
Fondazione Giordano Dell'Amore
Tipofondazione
Fondazione1977
ScopoSostegno alla microfinanza nei paesi industrializzati e nei paesi in via di sviluppo
Sede centraleItalia Milano
Area di azioneAfrica, Medio oriente, America latina, Europa centro-orientale
presidenteItalia Federico Manzoni
Sito web

La Fondazione Giordano Dell'Amore è una fondazione attiva dal 1967 e costituita nel 1977 con il nome Finafrica. La fondazione, nata su iniziativa di Giordano Dell'Amore si occupa dello studio e del potenziamento della microfinanza nei paesi industrializzati e nei paesi in via di sviluppo, ed è dotata di un suo patrimonio. La fondazione ha sede a Milano e fa parte della Rete italiana di microfinanza[1], del Comitato nazionale italiano permanente per il microcredito, dell'European Microfinance Network[2] e del European Microfinance Platform.

StoriaModifica

Nel 1967 Giordano Dell'Amore in qualità di presidente della Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde e rettore dell'Università Bocconi crea a Milano il Centro per l'Assistenza Finanziaria ai Paesi Africani (Finafrica). La nascita del centro si collega all'attività di cooperazione internazionale a sostegno dei paesi in via di sviluppo dell'Africa svolta da Cariplo e viene improntato da Giordano Dell'Amore all'idea della mobilitazione del risparmio familiare, ad un'attenzione per lo sviluppo rurale e per il sostegno alle piccole-medie imprese. All'inizio degli anni Settanta, il Comune di Milano concede un terreno e Cariplo che costruisce una residenza progettata dall'arch. Marco Zanuso, dove ha sede il centro; l'edificio oggi ospita il Collegio di Milano. Finafrica è costituita a luglio del 1977 dalla Fondazione Cariplo (fondatore) e dalla Fondazione CRT (cofondatore). Ampliando progressivamente la sua azione anche a paesi di altri continenti bisognosi di aiuto e di assistenza tecnica nel settore finanziario, la fondazione cambia il suo nome in Fondazione Giordano Dell'Amore[3]. Alla presidenza della fondazione si sono succeduti nel tempo Camillo Ferrari, Angelo Caloia, Angelo Miglietta, Giovanni Ancarani, Mario Masini e Federico Manzoni (presidente in carica).

AttivitàModifica

La Fondazione Giordano Dell'Amore ha oggi come scopo "attivare e catalizzare le competenze e le risorse degli Attori italiani per sviluppare progetti e modelli d'intervento nel settore della microfinanza nei paesi industrializzati e nei paesi in via di sviluppo che siano in linea con le best practices consolidate e diano un contributo rilevante allo sviluppo e all'innovazione nel settore della microfinanza"[4]. Per realizzare il suo scopo la fondazione svolge diverse attività.

  • Organizzazione di workshop a sostegno a idee, best practices e modelli operativi di microfinanzia e collaborazione con i suoi spazi nell'organizzazione di seminari su temi di microfinanzia promossi da altri attori del settore.
  • Supporto al matching tra idee, progetti e fonti di finanziamento.
  • Servizi per i donatori interessati alla microfinanza con il sostegno a fasi di progettazione e attività di lobbying per promuovere l'interesse e la conoscenza relative ad attività di microfinanza.
  • Coordinamento di progetti innovativi e di alta rilevanza sistemica nel settore della microfinanza realizzati in collaborazione con altre fondazioni ed enti.
  • Informazione. La fondazione promuove la creazione di osservatori tematici con coinvolgimento di partner esterni, la creazione e l'aggiornamento di database di attori; la fondazione è contact point per Reti europee, seleziona e divulga attraverso il suo sito e la sua newsletter documenti e rassegna stampa relativi al settore della microfinanzia e contribuisce al portale italiano della Microfinanza. La fondazione offre supporto organizzativo e tecnico per alcuni attori italiani.
  • Premio e Conferenza annuale dedicato alle best practices in microfinanza.

I beneficiari della fondazione sono fondazioni di origine bancaria, altre fondazioni, ONG e associazioni, banche e istituzioni finanziarie, enti locali, istituzioni pubbliche (Ministeri, Enti pubblici, ecc,), reti e network, istituzioni di microfinanza italiane, provider di servizi (consulenza, formazione, ecc.), università e centri di ricerca. La fondazione realizza le sue attività con i proventi del suo patrimonio, con il sostegno dei suoi beneficiari e di enti nazionali e internazionali.

PubblicazioniModifica

La fondazione ha pubblicato le riviste "Savings and Development" (1977-2006)[5], "Finafrica Bulletin" (1974-1976)[6] e "African Review of Money Finance and Banking" (1987-2005)[7]. Le collane di libri curate dalla fondazione sono state I Mercati Creditizi Africani[8], Moneta e Finanza nelle Economie in Sviluppo, Finanza e Sviluppo[9] e Cooperazione e Sviluppo[10].

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • DELL'AMORE Giordano, "La cooperazione con i paesi emergenti", Il Risparmio, Vol. XXV, n. 6, 1977.
  • Finafrica: centro per l'assistenza finanziaria ai paesi Africani, Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde, Finafrica, 1988.
  • MAURI Arnaldo: Giordano Dell'Amore per l'Africa: il Progetto Finafrica, Università degli Studi di Milano, Dipartimento di Economia, Management e Metodi Quantitativi, W.P. n. 15-2014.[1][collegamento interrotto]
  • NEGRO Maria Cristina, "Fondazione Giordano Dell'Amore", in G. PIZZO e G. TAGLIAVINI, Dizionario di Microfinanza, Carocci, Roma 2013.
  • RUOZI Roberto, "Nasce Finafrica", Cà de Sass, n. 43-44, 1973.
  • VILLA Giuseppe, "Il Finafrica", Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde, 25 anni di iniziative economiche, sociali e culturali della Cariplo, supplemento al n. 60 di Cà de Sass, Milano 1978.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0001 2223 6098 · LCCN (ENno96050715 · WorldCat Identities (ENno96-050715
  Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia