Fox News

rete televisiva statunitense
(Reindirizzamento da Fox News Channel)
Fox News
Logo dell'emittente
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Lingua inglese
Tipo All-news
Target Tutti
Slogan Standing Up Fox What's Right.
Versioni Fox News 576p (SDTV)
(data di lancio: 7 ottobre 1996)
Editore Fox Corporation
Sito foxnews.com
Diffusione
Satellite
Sky Italia
Hot Bird 13B
13° Est
Fox News Channel (DVB-S2 - FTV)
12466.00 V - 29900 - 5/6
Canale 523 SD

Fox News Channel (abbreviato anche in Fox News o più semplicemente FNC) è un canale televisivo internazionale di news 24 ore su 24; a febbraio 2015 era ricevuto da 94.700.000 persone negli Stati Uniti, mentre alla data di fondazione era ricevibile da 17 milioni di persone. Il canale è stato fondato nel 1996 dall'australiano Rupert Murdoch. La sua posizione si è consolidata verso la fine del 1990 e durante il corso del 2000.

StoriaModifica

Creato da Rupert Murdoch nel 1996, che assunse come CEO l'Executive della NBC Roger Ailes. Si tratta del canale all news più visto in assoluto negli USA, subito prima della CNN[1]. La differenza tra i due è minima e Fox News detiene anche il primato di spettatori che seguono le notizie dal mondo con regolarità. La popolarità di FNC si è consolidata verso la fine degli anni novanta. Il quartier generale del canale si trova a Manhattan, New York.

Le trasmissioni cominciano dal lunedì al venerdì alle 6 del mattino (ora di New York) e il sabato e la domenica alle 7. Il primo programma è sempre Fox & Friends, condotto da tre anchorman in uno studio con vista sulle strade di New York. Dal 28 settembre 2009 Fox News è passato interamente al formato panoramico 16:9. Tra i programmi, ricordiamo Special Report with Bret Baier (uno dei programmi più seguiti dell'emittente, in onda dal lunedì al venerdì alle 18), America's Newsroom, Tucker Carlson Tonight, The Daily Briefing with Dana Perino, Outnumbered, Hannity e The Five.

Dato che il canale è visibile in molti Paesi del mondo, i suoi spot pubblicitari vengono oscurati al di fuori degli Stati Uniti. Anni fa, al loro posto, venivano trasmesse le previsioni del tempo mentre, dal 2006, vengono mandati in onda alcuni piccoli reportage realizzati dagli inviati e dai giornalisti, denominati Fox News Extra.

DiffusioneModifica

Negli Stati Uniti, il canale è diffuso criptato sia via cavo, sia via satellite, e anche nei 40 stati dove è trasmesso il suo segnale è criptato, ad esempio in Italia, si può vedere soltanto con la pay tv su Sky. In Gran Bretagna non è più possibile vederlo.

Fox News RadioModifica

Nel 2003, con la crescita della FNC, la compagnia ha deciso di investire nella creazione di una stazione Radio, la Fox News Radio, che si occupa di fornire brevi notizie e alcuni Talk Radio riguardanti le serie televisive principali. Nel 2005 vengono assunti alla FNR 60 dipendenti, che all'inizio di ogni ora fornivano un servizio di notizie da 5 minuti, e alla fine uno da 1 minuto.

La sigla delle Newscast effettua il suo debutto con una sinfonia d'orchestra da 5 note. In precedenza la sigla era composta da una sinfonia emessa da una chitarra. Entrambe furono composte da Bruce Upchirch e Dave Meffert della Zone Radio Imaging, un gruppo che si occupa della composizione di vari Jingles per le emittenti Radio.

Nel 2006 ha fatto debutto anche il Fox News Talk, che attualmente ospita diversi Talk Show presi dalla programmazione della FNC.

ConduttoriModifica

CriticheModifica

All'interno degli USA, Fox News è stata spesso oggetto di critiche da parte di alcune grandi personalità per palesi favoritismi verso posizioni conservatrici, in particolare verso le politiche del Partito Repubblicano: l'ex presidente del Comitato Nazionale Democratico Howard Dean ha definito la rete televisiva una sorta di "macchina di propaganda della destra" e vari politici del Partito Democratico hanno boicottato eventi ospitati o sponsorizzati da tale rete; già nel 2007, diversi importanti candidati democratici alla presidenza (tra cui Hillary Clinton e Barack Obama) hanno disertato i dibattiti organizzati dalla rete.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN137398665 · ISNI (EN0000 0000 9350 6633 · LCCN (ENn2002040248 · BNF (FRcb15025523h (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n2002040248