Francesco Seratti

politico italiano

Francesco Seratti (Siena, 18 luglio 1736Tunisi, 1º febbraio 1814) è stato un politico italiano, primo ministro del Granducato di Toscana dal 1796 al 1798, sotto Ferdinando III di Toscana.

BiografiaModifica

Nato a Siena da antica famiglia pontremolese, discendente del funzionario granducale Agostino Seratti, auditore fiscale di Siena, Francesco Seratti nel 1768 fu nominato segretario del dipartimento degli Affari Esteri e, successivamente, del Consiglio di Stato del granducato di Toscana.

Nominato Governatore di Livorno, al ritorno a Firenze divenne primo ministro del Granducato di Toscana dal 1796 al 1798, sotto Ferdinando III di Toscana.

Con la caduta temporanea del granducato di Toscana per mano francese, Francesco Seratti si rifugiò in Sicilia alla corte dei Borboni dove fu nominato ministro delle Relazioni Estere del Regno delle Due Sicilie.

Nella seconda metà del 1813, deciso a tornare in Toscana, si imbarcò su una nave diretta a Livorno, ma attaccata da un gruppo di pirati tunisini, il Seratti venne fatto schiavo dal Bey di Tunisi e condotto a Tunisi dove morì pochi mesi dopo[1].

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Pietro Ferrari, La Rocca Sigillina, i Seratti e un'antica signoria feudale nell'alta Valle della Capria (1923)

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàCERL cnp01177135
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie