Apri il menu principale

Franz Schott

giureconsulto e scrittore di viaggi

Franz Schott (Anversa, 15481622) è stato un giurista belga.

Itinerario overo nova descrittione de' viaggi principali d'Italia, 1649

Fratello di Andreas Schott, fu autore di una guida per i pellegrini diretti in Italia per il Giubileo del 1600: l'Itinerarium nobiliorum Italiae regionum, urbium, oppidorum, et locorum. L'opera ebbe un enorme successo e fu tradotta in italiano, inglese, francese e ristampata fino al settecento[1][2][3][4].

NoteModifica

  1. ^ Edizioni dell'itinerario d'Italia di Francesco Scoto, su venditastampeantiche.com. URL consultato il 2 luglio 2019.
  2. ^ Vittor Ivo Comparato, Viaggiatori inglesi in Italia tra Sei e Settecento: la formazione di un modello interpretativo, in Quaderni storici, Istituto di storia e sociologia, 1979, p. 878.
    «La guida più importante fu l'Itinerarium Italiae Germaniaeque del senatore di Anversa Franz Schott, tradotto in varie lingue, compresa l'inglese. Schott si era ispirato all'itinerario cinquecentesco di Turler e servì a sua volta di modello per gli itinerari di Ph. Cluver (Italia antiqua, 1624), J. H. von Pflaumern (Mercurius italicus, 1625), J. Hondt (Nova et accurata Italiae hodiernae descriptio, 1626) e più tardi di Zeiller, Welsh e Luca di Linda.».
  3. ^ Alberto Grohmann, Assisi in età barocca, Accademia properziana del Subasio, 1992, p. 62.
    «La prima vera guida d'Italia verrà dall'Olanda, stampata ad Amsterdam nell'anno giubilare 1600, scritta in latino dal senatore Franz Schott. Immediatamente tradotta in tutte le lingue e rifatta dal fratello di Franz, Andrea, ebbe grande successo e fu ristampata innumerevoli volte.».
  4. ^ Giuseppina Valente, L’itinerario d’Italia di Franz Schott: un prototipo seicentesco della guida per il viaggio in Italia, p. III.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN39601549 · ISNI (EN0000 0001 0890 3114 · SBN IT\ICCU\CUBV\093014 · LCCN (ENn85143846 · GND (DE100265111 · BNF (FRcb144675988 (data) · CERL cnp01876186 · WorldCat Identities (ENn85-143846