Apri il menu principale

BiografiaModifica

Dopo avere ricevuto l'istruzione primaria e secondaria nella sua città natale di Anversa, Schott frequentò il Collegio Trilingue di Lovanio, dove studiò con il latinista Cornelius Valerius. Studiò filosofia e ottenne il titolo di Magister artium nel 1573. Le rivolte politico-religiose del 1576 lo costrinsero a lasciare Lovanio. Trascorso un periodo di tempo a Douai si trasferì a Parigi dove fece amicizia con gli umanisti Augier Ghislain de Busbecq, Isaac Casaubon e Giuseppe Giusto Scaligero. Nel 1579 si recò in Spagna dove insegnò greco a Toledo (1580-1583) e Saragozza (1583-1586). A Saragozza fu ordinato sacerdote il 17 aprile 1584.

Avendo appreso che la sua città natale, Anversa, era stata occupata dall'esercito spagnolo di Alessandro Farnese (l'assedio di Anversa terminò il 17 agosto 1585) Schott entrò nella Compagnia di Gesù, in adempimento di un voto che aveva fatto. Svolse il noviziato a Saragozza, in Spagna, dal 1586 al 1588. Dopo il noviziato completò il corso di Teologia a Valencia.

Schott venne quindi nominato professore di Teologia presso il Collegio dei Gesuiti di Gandia (1590-1593). Nel 1593 fu chiamato a Roma dal Preposito generale della Compagnia di Gesù Claudio Acquaviva per subentrare a Francesco Benci, da poco scomparso, nell'insegnamento della Retorica al Collegio Romano (1594-1597).

Nel 1597 tornò nella sua città di Anversa e vi rimase fino alla morte. Si unì a un gruppo di scrittori e studiosi gesuiti guidati da Carlo Scribani. Divenne amico di Christophe Plantin, Abraham Ortel, Martin Delrio e Théodore Poelman. Ma – come dimostra la loro lunga e ricca corrispondenza – è a Giusto Lipsio che Schott era particolarmente legato.

André Schott morì il 23 gennaio 1629 nella Casa professa dei gesuiti di Anversa.

OpereModifica

Le opere e gli scritti di Schott riguardano soprattutto la filologia, la numismatica e la letteratura ma soprattutto la storia dell'Antichità classica e della Chiesa. Oltre a uno studio sulla vita degli imperatori romani pubblicò un trattato sulla composizione in stile ciceroniano latino. Con la sua "lista dei proverbi greci" tentò una sintesi della saggezza della Grecia antica. Contribuì anche alla Patrologia con una nuova edizione delle lettere di San Girolamo, che comprendeva 600 lettere inedite, e delle lettere di Isidoro di Pelusio. Le sue traduzioni delle opere greche in latino, spesso concluse con fretta eccessiva, furono criticate da un eminente studioso contemporaneo, il gesuita Jacques Sirmond.

Schott è tra gli autori che hanno contribuito alla voluminosa 'Hispania illustrata' ed è l'autore dell'Hispaniae Bibliothecae, un'enciclopedia degli scrittori, degli ecclesiastici e delle accademie del Regno di Spagna. Tradusse in spagnolo le biografie dei gesuiti della prima generazione (Francesco Borgia, Alfonso Salmerón, Diego Laínez), composte da Pedro de Ribadeneira.

Nel 1625 pubblicò un'edizione aumentata del celebre Itinerarium Italiae scritto dal fratello Franz.[1][2][3]

Studioso infaticabile e di vasta erudizione, Schott produsse molte opere, ignorando spesso le critiche che gli venivano fatte. Da convinto umanista cristiano, credeva che lo studio delle lettere fosse un modo eminente di dare gloria a Dio.

Pubblicazioni (Selezione)Modifica

 
Hispania illustrata, 4° volume, 1608
Opere originali
Edizioni critiche

NoteModifica

  1. ^ * (LA) Franz Schott, Itinerarii Italiae rerumque Romanarum libri tres. A Francisco Schotto Senatore Antuerp. ex antiquis novisque Scriptoribus editi, & ab Hieronymo Capugnano Ordinis Patrum Praedicat. aucti. Editio quarta, ab Andrea Schotto Soc. Iesu Sacerdote recensita, Antverpiae, ex officina Plantiniana, apud Balthasarem Moretum et viduam Ioannis Moreti et Io. Meursium, 1525. URL consultato il 2 luglio 2019.
  2. ^ Maria Augusta Bertini, Fra terra e cielo: i percorsi della geografia : il patrimonio geocartografico della Biblioteca universitaria di Urbino, secc. XVI-XVIII, Istituto di Geografia-Università degli Studi Carlo Bo, 2003, p. 144.
    «L'opera ottiene largo successo e viene ripubblicata più volte, anche in traduzioni italiane curate dal fratello dell'autore, Andreas, il quale rimaneggia, corregge ed aggiunge notizie rispetto alla prima stesura.».
  3. ^ «André Schott, qui du reste avait fourni de nombreux renseignements sur l'Italie à son frère, en publia en 1625 une édition augmentée» (Biographie nationale de Belgique, Vol. 22, pp. 14–15).

BibliografiaModifica

  • F. Baguet: Notice biographique et littéraire sur André Schott, Bruxelles, 1849.
  • J. Fabri: Un ami de Juste Lipse: l'humaniste André Schott (1552-1629), dans Les Études classiques, vol.21 (1953), pp. 188-208.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN88770049 · ISNI (EN0000 0001 2321 232X · LCCN (ENn85252834 · GND (DE117015415 · BNF (FRcb12234836k (data) · CERL cnp01876480 · WorldCat Identities (ENn85-252834