Fronte Nazionale dell'Afghanistan

Fronte Nazionale dell'Afghanistan
Flag flown in Panjshir (2019).svg
Attiva2021
NazioneAfghanistan Afghanistan
ContestoResistenza del Panjshir
IdeologiaDemocrazia islamica
AlleanzeTagikistan Tagikistan
Affinità politicheJamiat-e Islami
Componenti
FondatoriAhmad Massoud
Componenti principali
Attività
Azioni principaliresistenza insurrezionale
Voci su unità paramilitari in Wikipedia

Il Fronte di Resistenza Nazionale dell'Afghanistan, noto anche come Seconda Resistenza,[1][2] è un'alleanza militare di ex membri dell'Alleanza del Nord e altri combattenti anti-talebani rimasti fedeli alla Repubblica islamica dell'Afghanistan, fondata dopo l'offensiva talebana del 2021, sotto la guida del politico e capo militare afghano Ahmad Massoud e del vicepresidente dell'Afghanistan Amrullah Saleh.[3]

Il fronte ha controllato per un breve periodo di tempo la Valle del Panjshir, costituendo l'unica resistenza organizzata ai talebani.[4] È riconosciuto dal consolato tagiko in Afghanistan come governo legittimo del paese.[5]

NoteModifica

  1. ^ National Resistance Front Of Afghanistan | The Irish Times, su www.irishtimes.com. URL consultato il 20 agosto 2021.
  2. ^ Analysis Northern Afghanistan once kept out the Taliban. Why has it fallen so quickly this time?, in Washington Post, ISSN 0190-8286 (WC · ACNP). URL consultato il 18 agosto 2021.
  3. ^ 'Panjshir stands strong': Afghanistan's last holdout against the Taliban, su The Guardian, 18 agosto 2021. URL consultato il 19 agosto 2021.
  4. ^ (EN) Matthew Cole, Ken Klippenstein, Afghan Resistance Leaders, Long Backed by CIA, Have Fled Following Taliban Takeover, su The Intercept, 21 settembre 2021. URL consultato il 20 novembre 2021.
  5. ^ Andrew E. Kramer, Leaders in Afghanistan's Panjshir Valley defy the Taliban and demand an inclusive government., in The New York Times, 18 agosto 2021, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 18 agosto 2021.

Collegamenti esterniModifica