Apri il menu principale

Gaetano Carlo Chelli

romanziere italiano

BiografiaModifica

Chelli nacque in una famiglia della piccola borghesia di Massa. Da giovane ebbe in gestione L'Apuano, un bollettino per gli atti giudiziari e amministrativi della Provincia di Massa Carrara, sul quale furono pubblicati alcuni suoi racconti on volume a cura di Paolo Giannotti nel 2003[1]. Impiegato nella Manifattura dei Tabacchi, nel 1878 ottenne il trasferimento a Roma, città nella quale trascorse il resto della vita. Esordì come narratore su Cronaca bizantina, la rivista diretta da Angelo Sommaruga, con una novella verista pubblicata nel numero del 16 ottobre 1882. Nel 1883 divenne redattore di Cronaca bizantina. Chelli è stato il primo narratore ad aver ambientato le sue storie nella capitale d'Italia, descrivendo le vicende derivanti dal tumultuoso e disordinato sviluppo nell'età umbertina. Le sue opere non furono molto apprezzate dai contemporanei e quindi furono presto dimenticate. Vennero riscoperte nella seconda metà del XX secolo grazie a Roberto Bigazzi[2] il quale curò fra l'altro la riedizione de L'eredità Ferramonti[3], il capolavoro di Chelli. Da quest'ultimo romanzo nel 1976 Mauro Bolognini trasse un film che ebbe molto successo (L'eredità Ferramonti).

OpereModifica

  • "Fabia"; in appendice al quotidiano romano L'Opinione, 1875; pubblicazione a stampa a cura di Paolo Giannotti; Massa: Alberto Ricciardi Editore; 2004
  • La colpa di Bianca , Roma: A. Sommaruga, 1884
  • L' eredità Ferramonti: vita romana, Roma: A. Sommaruga, 1884
  • Racconti; a cura di Gianni Oliva, Bari: Palomar, 1997

NoteModifica

  1. ^ Gaetano Carlo Chelli, Racconti dell'Apuano (Per un fiore, Il segreto del cuore, Rimembranze d'estate), Massa: Edizioni Vuelleti, 2003.
  2. ^ R. Bigazzi, "Un verista dimenticato: Gaetano Carlo Chelli", in La Rass. della letter. ital., serie 7, LXVIII (1964), pp. 111-129
  3. ^ Gaetano Carlo Chelli, L' eredità Ferramonti: vita romana; nota introduttiva di Roberto Bigazzi, Torino: Einaudi, 1972

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN38110412 · ISNI (EN0000 0001 1623 0765 · SBN IT\ICCU\SBLV\217374 · LCCN (ENn98012378 · GND (DE13355838X · BNF (FRcb127835352 (data) · BAV ADV10274476 · WorldCat Identities (ENn98-012378