Gaio Cestio Gallo

politico e militare romano

Gaio Cestio Gallo (latino: Gaius Cestius Gallus; ... – 67) è stato un politico e militare romano coinvolto nella prima guerra giudaica (66-70).

Gaio Cestio Gallo
Legatus Augusti pro praetore
TitoliLegatus legionis
Morte67
GensCestia
Legatus legionis70 della Legio XII Fulminata
Legatus Augusti pro praetore63/65 in Siria
Gaio Cestio Gallo
Morte67
EtniaItalico
Dati militari
Paese servitoImpero romano
Forza armataEsercito romano
UnitàLegio XII Fulminata
GradoLegatus
ComandantiTito
Vespasiano
GuerrePrima guerra giudaica
Comandante diLegio XII Fulminata
voci di militari presenti su Wikipedia

BiografiaModifica

Figlio di un console e console suffetto a sua volta nel 42, fu nominato legatus Augusti pro praetore di Siria nel 63 o 65.

Quando in Giudea scoppiò la prima guerra giudaica, Gallo decise di recarsi lì con le proprie truppe, che includevano la Legio XII Fulminata; conquistò Beit She'arim, sede del Sinedrio (la somma corte politico-religiosa ebraica), ma non fu in grado di riprendere Gerusalemme.

Durante un ripiegamento cadde in una imboscata tesagli da Eleazar ben Simon (Lazzaro figlio di Simone) a Bethoron: nello scontro perse quasi l'intera legione (6000 uomini). Durante la ritirata fu inseguito dalle forze nemiche, che lo circondarono: riuscì a sfuggire e a ripararsi ad Antiochia solo perdendo molti uomini e molto materiale.

Gallo morì poco dopo, agli inizi del 67: l'imperatore Nerone lo sostituì con Gaio Licinio Muciano (che divenne legato di Siria) e con Tito Flavio Vespasiano, che fu incaricato di annientare i rivoltosi in Giudea.

BibliografiaModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN9506151247970744270006 · GND (DE1147221863