Gamma Equulei

stella nella costellazione del Cavallino
Gamma Equulei
Gamma Equulei
Equuleus IAU.svg
Classe spettraleA9VpSrCrEu[2]
Tipo di variabileStella Ap a rapida oscillazione
Distanza dal Sole118 anni luce (36 pc)
CostellazioneCavallino
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta21h 10m 20.50005s[1]
Declinazione10° 07′ 53.6763″[1]
Dati fisici
Raggio medio2,20±0,12[3] R
Temperatura
superficiale
8574 K[4] (media)
Luminosità
12,8±1,4[3] L
Metallicità+0,68  [Fe/H][4]
Dati osservativi
Magnitudine app.4.58[5] (min)
4.77[5] (max)
Magnitudine app.4,68
Magnitudine ass.+1.90[6]
Parallasse27,55±0,62 mas[1]
Moto proprioAR: 48.74 mas/anno
Dec: –153.03 mas/anno[1]
Velocità radiale−16,5±0,3 km/s
Nomenclature alternative
γ Equ, 5 Equ, BD+09° 4732, FK5 1555, HD 201601, HIP 104521, HR 8097, SAO 126593[7]

Coordinate: Carta celeste 21h 10m 20.50005s, +10° 07′ 53.6763″

Gamma Equulei, latinizzato da γ Equulei, è una stella binaria della costellazione settentrionale del Cavallino. Si trova ad una distanza di circa 118 anni luce (36 parsec) dalla Terra e ha una magnitudine visiva apparente leggermente variabile intorno a 4.7.

CaratteristicheModifica

La componente principale di γ Equulei è una stella chimicamente peculiare con una classificazione stellare di A9VpSrCrEu[2]. Ha uno spettro corrispondente a una stella della sequenza principale A9, ma con abbondanze insolite di Stronzio, Cromo ed Europio. Le stelle con questo tipo di peculiarità spettrale sono chiamate stelle Ap. Si ritiene che l'abbondanza di alcuni metalli sia dovuta alla stratificazione chimica nelle stelle a rotazione lenta, insolita per le stelle calde della sequenza principale. Una gamma abbastanza ampia di tipi spettrali è stata individuata per γ Equulei, che va da A5 a F1, alcuni dei quali indicano anche insolite abbondanze di ferro[8]. Gamma Equulei ha linee di assorbimento particolarmente nette, indice di una rotazione molto lenta[9].

VariabilitàModifica

Gamma Equulei subisce rapide variazioni periodiche di luminosità, che la colloca tra le stelle Ap (roAp) a rapida oscillazione[3]. La magnitudine apparente varia tra estremi di +4,58 e +4,77, e mostra pulsazioni in diversi periodi vicini ai 12 minuti. La pulsazione più breve è di 11,7 minuti; altre si collocano a 11,9, 12,2 e 12,4 minuti, e sono state identificate come una serie di pulsazioni pari e dispari in modalità p (indotte dalla pressione)[9].

Campo magneticoModifica

Il campo magnetico superficiale di γ Equulei subisce una variazione lenta, che varia da +577 a −1,101 G[10]. Sebbene siano disponibili solo 67 anni di misurazioni del campo magnetico, un periodo di 97,16±3,15 anni è coerente con i dati rilevati. Si ritiene che questo sia il periodo di rotazione di γ Equulei[11].

CompagnaModifica

Gamma Equulei ha una compagna di magnitudine 8,69[3] ad una separazione angolare di 1,26 secondi d'arco[12].

NoteModifica

  1. ^ a b c d F. van Leeuwen, Validation of the new Hipparcos reduction, in Astronomy and Astrophysics, vol. 474, novembre 2007, pp. 653–664, Bibcode:2007A&A...474..653V, DOI:10.1051/0004-6361:20078357, arXiv:0708.1752.
  2. ^ a b Abt, H. A (1985). "Visual multiples. VIII - 1000 MK types". Astrophysical Journal Supplement Series. 59: 95. Bibcode:1985ApJS...59...95A. doi:10.1086/191064.
  3. ^ a b c d Perraut, K.; et al. (February 2011), "The fundamental parameters of the roAp star γ Equulei", Astronomy and Astrophysics, 526: A89, arXiv:1011.2028, Bibcode:2011A&A...526A..89P, doi:10.1051/0004-6361/201015801.
  4. ^ a b Koleva M., Vazdekis A., Stellar population models in the UV. I. Characterisation of the New Generation Stellar Library, in Astronomy & Astrophysics, vol. 538, febbraio 2012, pp. A143, Bibcode:2012A&A...538A.143K, DOI:10.1051/0004-6361/201118065, arXiv:1111.5449.
  5. ^ a b Samus N.N., Durlevich O.V., VizieR Online Data Catalog: General Catalogue of Variable Stars (Samus+ 2007-2013), in VizieR On-line Data Catalog: B/gcvs. Originally published in: 2009yCat....102025S, vol. 1, 2009, Bibcode:2009yCat....102025S.
  6. ^ Anderson E., Francis Ch., XHIP: An extended hipparcos compilation, in Astronomy Letters, vol. 38, 2012, pp. 331, Bibcode:2012AstL...38..331A, DOI:10.1134/S1063773712050015, arXiv:1108.4971.
  7. ^ gam Equ, in SIMBAD, Centre de données astronomiques de Strasbourg. URL consultato il 27 luglio 2012.
  8. ^ Skiff, B. A (2014). "VizieR Online Data Catalog: Catalogue of Stellar Spectral Classifications (Skiff, 2009-2016)". VizieR On-line Data Catalog: B/mk. Originally published in: Lowell Observatory (October 2014). 1. Bibcode:2014yCat....1.2023S.
  9. ^ a b Martinez, P; Weiss, W. W; Nelson, M. J; Kreidl, T. J; Roberts, G. R; Mkrtichian, D. E; Dorokhov, N. I; Dorokhova, T. N; Birch, P. V (1996). "The p-mode spectrum of γ Equ (HR 8097)". Monthly Notices of the Royal Astronomical Society. 282: 243. Bibcode:1996MNRAS.282..243M. doi:10.1093/mnras/282.1.243.
  10. ^ Bychkov, V. D.; Bychkova, L. V.; Madej, J. (January 2006), "Secular variability of the longitudinal magnetic field of the Ap star γ Equ", Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, 365 (2): 585–589, arXiv:astro-ph/0510529, Bibcode:2006MNRAS.365..585B, doi:10.1111/j.1365-2966.2005.09738.x.
  11. ^ Bychkov, V. D; Bychkova, L. V; Madej, J (2016). "Periods of magnetic field variations in the Ap star γ Equulei (HD 201601)". Monthly Notices of the Royal Astronomical Society. 455 (3): 2567. arXiv:1510.05160. Bibcode:2016MNRAS.455.2567B. doi:10.1093/mnras/stv2416.
  12. ^ Eggleton, P. P.; Tokovinin, A. A. (September 2008), "A catalogue of multiplicity among bright stellar systems", Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, 389 (2): 869–879, arXiv:0806.2878, Bibcode:2008MNRAS.389..869E, doi:10.1111/j.1365-2966.2008.13596.x.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni