Gard Sveen

scrittore e politologo norvegese

Gard Sveen (Hamar, 8 marzo 1969) è uno scrittore e politologo norvegese.

BiografiaModifica

Nato nel 1969 a Hamar[1], lavora come consulente senior presso il ministero della Difesa norvegese[2].

Ha esordito nella narrativa nel 2013 con il romanzo L'ultimo pellegrino, primo capitolo delle indagini dell'ispettore Tommy Bergman premiato in patria con i maggiori riconoscimenti del settore tra cui il Glasnyckeln nel 2014[3].

OpereModifica

RomanziModifica

  • L'ultimo pellegrino (Den siste pilegrimen, 2013), Venezia, Marsilio, 2018 traduzione di Giovanna Paterniti ISBN 978-88-317-2855-3.
  • Le lacrime di Medusa (Helvete åpent, 2015), Venezia, Marsilio, 2022 traduzione di Giovanna Paterniti ISBN 978-88-297-0854-3.
  • Blod i dans (2016)
  • Bjørnen (2018)
  • Drømmenes Gud (2019)

Premi e riconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ (DE) Intervista, su resonanzboden.com. URL consultato il 24 aprile 2018.
  2. ^ (EN) Cenni biografici, su nordinagency.se. URL consultato il 24 aprile 2018.
  3. ^ L'ultimo pellegrino di Gard Sveen, su thrillercafe.it. URL consultato il 24 aprile 2018.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN221751298 · ISNI (EN0000 0001 3107 3278 · LCCN (ENn2016031514 · GND (DE1084617676 · BNF (FRcb16987237s (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n2016031514