Gens Arria

gens romana
Disambiguazione – "Arrius" rimanda qui. Se stai cercando l'asteroide, vedi 5263 Arrius.
Magistrature della gens Arria
Periodo Repubblica romana
Consolati 0
Tribunati consolari 0
Dittature 0
Censure 0
Magistri equitum 0
Decemvirati 0
Tribunati della plebe 0

La gens Arria era una gens plebea romana presente durante la Repubblica. Il primo membro della famiglia a raggiungere un ruolo rilevante nello stato fu Quinto Arrio, pretore nel 72 a.C.[1]

Epitaffio romano del sec III d.C. per il liberto Arrius Callistus, vissuto 20 anni, fatto scrivere dalle ex padrone Arria Chia ed Arria Crispinilla. Trovato a Cagliari, oggi al Museo archeologico nazionale di Cagliari

Tria nomina modifica

I praenomina utilizzati dalla gens furono Quintus, Gaius e Marcus mentre i cognomina usati furono Gallus, Aper, Secondus e Varus.

Membri della gens modifica

Note modifica

  1. ^ a b Dictionary of Greek and Roman Biography and Mythology, William Smith, Editor.
  2. ^ Marco Tullio Cicerone, Epistulae ad Atticum ii. 5, 7
  3. ^ Marco Tullio Cicerone, In Vatinium Testem 12
  4. ^ Marco Tullio Cicerone, Pro Milone 17
  5. ^ Marco Tullio Cicerone, Epistulae ad Quintum Fratrem i. 3.
  6. ^ Marco Tullio Cicerone, Epistulae ad Atticum ii. 14, 15
  7. ^ Gaio Plinio Cecilio Secondo, Epistulae iii. 16.
  8. ^ Lucio Cassio Dione Cocceiano, Storia Romana lx. 16.
  9. ^ Marco Valerio Marziale, Epigrammi i. 14.
  10. ^ Giovanni Zonara, Epitome delle Storie xi. 9.
  11. ^ Publio Cornelio Tacito, Annales xvi. 34.
  12. ^ Publio Cornelio Tacito, Annales xvi. 59.
  13. ^ Galeno di Pergamo, De Theriaca, ad Pisonem c. 2, vol. ii. p. 485, ed. Basil.

Voci correlate modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN3152199159914280892 · BAV 495/139832 · GND (DE1154824799
  Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma