George Werner

architetto tedesco

George Werner (Graßdorf, 3 agosto 1682Lipsia, 19 maggio 1758) è stato un architetto tedesco, il più importante capomastro del periodo tardo barocco e rococò di Lipsia tra il 1725 e il 1756.

BiografiaModifica

L'architetto e capomastro, in seguito denominato "Knöffel di Lipsia", apprese il mestiere di muratore da Matthäus Röthig a Taucha, dove divenne operaio nel 1703 e maestro muratore a Lipsia nel 1723. Il suo primo lavoro indipendente a Lipsia fu la costruzione di un edificio laterale, nel 1723, in Hainstrasse 6. George conquistò la simpatia dei costruttori di Lipsia nel giro di pochi anni, perché dalla fine del 1720 fu in grado di estromettere il costruttore precedentemente preferito, Christian Döring, quando si aggiudicò i più grandi contratti di costruzione come Hohmanns Hof, Kochs Hof o Goldenen Bären

Dal 1746 al 1748 creò la torre della Johanniskirche, l'unico campanile barocco della città fieristica.

Dal 1740 George Werner, passo dopo passo, compì la transizione dal barocco al rococò a Lipsia. Con i maestri costruttori Johann Gregor Fuchs, Christian Döring e Friedrich Seltendorff, progettò Katharinenstraße con edifici del XVIII secolo, ben oltre i confini del famoso viale di Lipsia. I suoi edifici, costruiti a partire dal 1740, come la Bürgerhaus a Katharinenstraße 19 o la Becksche House - conosciuta anche come Vecchio Monastero - in Klostergasse 5, sono tra gli edifici più eleganti del rococò di Lipsia.

Inoltre, non si può escludere che Werner sia stato coinvolto nella costruzione del Gohliser Schlösschen (1755–1756).[1]

George Werner era sposato con Johanne Magdalena Hasert. Dal matrimonio nacquero un figlio e due figlie, una delle quali sposò il maestro muratore Christian Hornice, importante per la storia edilizia di Lipsia e che lavorò con il suocero in alcuni progetti. Nel 1743 Werner acquistò una casa in Gerberstrasse 30 per 3.100 talleri, che venne chiamata il Cigno bianco, ma non è sopravvissuta. Alla sua morte lasciò una piccola biblioteca, il cui valore era stimato a 32 talleri e 32 groschen nella quale predominavano libri dal contenuto religioso, comprese varie edizioni della Bibbia, ma solo tre libri sull'architettura antica erano presenti nella sua biblioteca.

Opere (selezione)Modifica

Nota: tutti gli edifici senza informazioni sulla posizione sono stati costruiti a Lipsia.

  • Costruzione di un edificio laterale in Hainstrasse 6 (1723)
  • Costruzione di Hohmanns Hof, Petersstrasse 15 (1728-1731, distrutto durante la seconda guerra mondiale)
  • Costruzione della casa padronale a Großdeuben, (1730 circa)[2]
  • Costruzione della nuova Thomasschule (1731-1732, demolita 1901-1902) [3]
  • Edificio Goldenen Bären, Universitätsstrasse 11 (1735–1737, distrutto durante la seconda guerra mondiale) [4]
  • Costruzione del centro comunitario a Markt 13 (1733, non conservato)
  • Costruzione della casa estiva a Hohmanns Garten di fronte all'Hallescher Tor (1733, non conservata)
  • Costruzione di Kochs Hof, Markt 3 (1735-1738, distrutto durante la seconda guerra mondiale) [5]
  • Costruzione del centro comunitario in Hainstrasse 13 (1746)
  • Costruzione del campanile barocco della chiesa di San Giovanni (1746-1748, fatto saltare in aria nel 1963 dopo essere stato danneggiato nella seconda guerra mondiale)
  • Costruzione di una cappella nella cripta sul vecchio Johannisfriedhof (1746-1748)
  • Costruzione dell'edificio sul retro del Barthels Hof (1747–1750, conversione e ampliamento 1870–1871)
  • Costruzione del centro comunitario in Katharinenstrasse 19 (1748-1749)
  • Costruzione del centro comunitario Zum Grönländer, Petersstrasse 24 (1749–1751)[6]
  • Costruzione della casa Beck (vecchio monastero), Klostergasse 5 (1753–1755, insieme al falegname Johann Leopold Müller)[7]
  • non certo: collaborazione alla costruzione del Palazzo Gohlis (1755–1756)

NoteModifica

  1. ^ Wolfgang Hocquél, nel 1990 in "Leipzig - Baumeister und Bauten" (p. 85 e p. 257) affermava di poter riconoscere i parallelismi stilistici tra il lavoro di Werner (abbaini del vecchio monastero, torrette sul tetto della Johanniskirchturm) e l'architettura del Gohliser Schlösschen e e concluse che Werner - forse in collaborazione con il cliente Johann Caspar Richter - sarebbe stato l'architetto del castello. Sabine Hocquél-Schneider, d'altra parte, dichiarò su "Das Gohliser Schlösschen zu Leipzig" che non ci sono prove per questa affermazione. Ha fatto riferimento al lavoro di Brigitte Braun "Der Maurermeister George Werner (1682-1758) e i suoi edifici a Lipsia" (tesi di diploma, Lipsia 1995, pubblicata in "" Leipziger Calendar "", 1998, p. 97 e seguenti.) sostenendo che George Werner aveva solo partecipato alla costruzione.
  2. ^ Il cliente era il commerciante Peter Hohmann.
  3. ^ La nuova Thomasschule fu il luogo dove insegnò Johann Sebastian Bach dal 1732 al 1750. Per la sua inaugurazione, il 5 giugno 1732, Bach aveva composto la cantata Froher Tag, verlangte Stunden.
  4. ^ Il costruttore del Goldenen Bären, in cui Johann Christoph Gottsched visse fino alla sua morte, fu l'editore e commerciante Bernhard Christoph Breitkopf.
  5. ^ Il più grande centro espositivo di Lipsia venne costruito con i costi di costruzione più alti del XVIII secolo (133.000 talleri). Il cliente era il banchiere e commerciante Michael Koch.
  6. ^ Il cliente era il commerciante Johann Martin Haugk].
  7. ^ Il cliente era il consigliere di Lipsia e esperto di commercio Gottlieb Beck.

BibliografiaModifica

  • Wolfgang Hocquél: Leipzig. Baumeister und Bauten. Von der Romanik bis zur Gegenwart. Tourist Verlag, Berlin, Leipzig 1990, ISBN 3-350-00333-8.
  • Wolfgang Hocquél (Hrsg.): Leipzig. VEB E. A. Seemann Verlag, Leipzig 1983.
  • Nikolaus Pevsner: Leipziger Barock. Die Baukunst der Barockzeit in Leipzig. Verlag von Wolfgang Jens, Dresden 1928.
come ristampa: EA Seemann Verlag, Lipsia 1990, ISBN 3-363-00457-5.
  • Sabine Hocquél-Schneider, Alberto Schneider, Brunhild Vollstädt: Das Gohliser Schlösschen zu Leipzig.. Edizione Lipsia nella Dornier Medienholding GmbH, Berlino 2000, ISBN 3-361-00511-6 .
  • Walter Fellmann: Sachsen-Lexikon. Koehler & Amelang, Monaco, Berlino 2000, ISBN 3-7338-0234-9.


Controllo di autoritàVIAF (EN316388779 · CERL cnp02123603 · GND (DE1071364839