Apri il menu principale

Giacomo Oddi (frate)

scrittore e frate francescano

Giacomo Oddi (Perugia, 1400 circa – Perugia, 25 giugno 1487) è stato uno scrittore e frate francescano, italiano[1].

BiografiaModifica

Nato nella famiglia perugina dei conti Oddi, era figlio di Oddone e da Bella di Lorenzo Vencioli. Nel 1448 entrò nell'ordine dei frati minori ed ebbe come maestro Domenico da Genova. Nel 1454, con altri frati, si recò a Monteluco (presso Spoleto) per assistere frate Francesco da Pavia (al secolo Antonio Beccaria), prossimo alla morte e già in odore di santità. Oddi ne tracciò poi la biografia, nella sua opera la Franceschina.

Fu padre guardiano del Convento della Porziuncola, poi del convento di Monteripido a Perugia, quindi del convento di Santa Maria delle Grazie a Terni. Di lui è nota l'opera la Franceschina, o Specchio dell'Ordine, scritta fra il 1474 e il 1476, nella lingua volgare perugina del Quattrocento. Contiene una biografia di san Francesco d'Assisi e di altri frati minori. Parla anche della venerazione segreta delle stigmate di san Francesco d'Assisi, da parte del papa Sisto IV. Tra le biografie c'è quella di Jacopone da Todi: Giacomo Oddi ne è considerato il primo biografo, ma lo ha presentato con intento laudativo, agiografico. Nella Franceschina ricorda anche massime evangeliche, come questa:

«Dice el Signore nel suo Evangelio: «Quilo che non renuntiarà a tucte le cose che possiede, non porrà essere mio discipolo.»

L'attribuzione della Franceschina a frate Giacomo Oddi, per molto tempo discussa, è stata confermata da Lucas Wadding, negli Annales Minorum del 1932. Tra le prove a favore c'è il documento notarile, datato 30 maggio 1481, contenente un contratto d'edizione tra Francesco e Galeotto Oddi - fratelli di Giacomo - e il tipografo Stefano di Giovanni di Amburg, per la stampa di un'opera in 500 esemplari, al prezzo di 100 fiorini. Ma nessun esemplare fu poi stampato. La più antica redazione della Franceschina si trova in un codice, proveniente dal convento francescano perugino di Monteripido e databile 1474-1476. La biblioteca del convento di Monteripido è attualmente alla Biblioteca Augusta di Perugia. Il manoscritto, confrontato con altre redazioni manoscritte posteriori, è stato pubblicato per la prima volta nel 1931.

NoteModifica

  1. ^ La data di morte di Giacomo Oddi è desunta dalla Cronaca perugina, nota come Diario del Graziani e scritta probabilmente da un componente della famiglia Oddi. Il 25 giugno 1487 scrive: «E a dì detto morì frate Giapeco de Oddo, frate de San Francesco del Monte, e li fu fatto un bello ufficio, al quale cie fo Francesco e Galiotto de Oddo, e tutti li loro, e era tenuto bona persona.» (Cronaca perugina, 1903, p. 278).

BibliografiaModifica

  • Giacomo Oddi, La Franceschina: testo volgare umbro del sec. XV / scritto dal P. Giacomo Oddi di Perugia; edito per la prima volta nella sua integrità dal P. Nicola Cavanna, Firenze, Olschki, 1931, SBN IT\ICCU\PUV\0556237.
  • AA. VV., Dizionario Letterario Bompiani. Autori, Milano, Bompiani, 1957, vol. III, O-Z, p. 3.
Controllo di autoritàVIAF (EN27501401 · ISNI (EN0000 0001 1838 6835 · SBN IT\ICCU\SBLV\179700 · LCCN (ENn85814134 · GND (DE104349611 · BNF (FRcb137715821 (data) · BAV ADV11057822 · CERL cnp00369235 · WorldCat Identities (ENn85-814134