Gilera TG

Gilera TG
Gilera motorcycle 2.JPG
Gilera TG2
CostruttoreItalia Gilera
TipoNaked stradale
Produzionedal 1977 al 1985
Sostituisce laGilera 5V Arcore
Sostituita daGilera RV
Stessa famigliaGilera GR1
Modelli similiA 2T
Aspes Yuma
Benelli 2C
Bultaco Streaker
Cagiva SST
Beta SC e TS
Fantic Motor Strada
Italjet Buccaneer
Laverda LZ
Malanca E 2C, GTI 80 e Ob One
Montesa Crono
Moto Guzzi Turismo
SWM RZ 124
WSK M06 B3
Zündapp KS-WK
A 4T
Honda CB 125 X
Moto Guzzi 2C
Moto Morini 125

La TG è una motocicletta italiana, dotata di propulsore a due tempi, prodotta dalla Gilera.

La sigla TG sta per Turismo Gilera. Disegnata da Paolo Martin, sebbene il prototipo fosse pronto sin dal 1973, si dovette aspettare il 1977 perché la nuova ottavo di litro arcorense entrasse a listino, sotto la denominazione TG1. Contemporaneamente alla TG1 venne commercializzato anche un modello da fuoristrada, siglato GR1 (Gilera Regolarità 1).

TG-1Modifica

Prodotta dal 1977 al 1982, sia in versione 80 che 125 (la versione 80 si distingue per il solo motore), con cerchi a raggi o in lega e linea classica del tempo, in stile Guzzi 350-500-4, disegnate dallo stesso grafico. Con questo modello la Casa abbandona il motore a 4 tempi, che era stato sviluppato sulle sue 125 ininterrottamente dal Gilerino del 1950 fino all'Arcore. Le prestazioni velocistiche della TG1 erano modeste, inferiori a quelle degli ultimi modelli a 4 tempi che la avevano preceduta.

Questo tipo di moto fu munito di miscelatore per la lubrificazione separata solo a partire dalla versione TG1-Mix, presentata nel 1979; i primi esemplari di TG1 andavano perciò riforniti con miscela benzina-olio.

TG-2Modifica

Presentata al Salone del Ciclo e Motociclo di Milano 1981, entrò a catalogo nel gennaio 1982 e venne prodotta fino al 1985, sia in versione 80 che 125 (la versione 80 si distingue per il solo motore). Si distingue dalla Gilera TG1, per i cerchi a razze sdoppiate, un piccolo cupolino, il carter motore lato dx di forma diversa dal TG1, la strumentazione più moderna, la chiave di accensione, il gruppo motore-scarico verniciati di colore nero e la livrea (serbatoio compreso) rivista. Il carburatore PHBH Ø26 mm sostituisce il vecchio VHBZ Ø24 a valvola gas piatta del TG1. L'interasse aumentò a 1.305 mm (25 mm in più della TG1), così come il peso (104 kg dai 98 del modello precedente). Le prestazioni rimanevano modeste, accompagnate da un telaio dalla scarsa stabilità.

TG-3Modifica

Prodotta dal 1981 al 1985, sia nella cilindrata 80 che 125 cm³ (la 80 si distingue per il solo motore), è la versione custom della TG2, caratterizzata da diversi serbatoio e sella e cerchi in lega a raggi non sdoppiati.

Caratteristiche tecnicheModifica

Caratteristiche tecniche - Gilera 125 TG1 Mix - 1981
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt.) 1980 × 1275 × 740 mm
Altezze Sella: 780 mm
Interasse: 1280 mm Massa a vuoto: 98 kg Serbatoio: 9,8 l
Meccanica
Tipo motore: Monocilindrico a due tempi Raffreddamento: ad aria
Cilindrata 122,5 cm³ (Alesaggio 57 x Corsa 48 mm)
Distribuzione: piston port Alimentazione: carburatore Dell'Orto VHB 24 BS
Potenza: 14,5 CV a 7.300 giri/min Coppia: 1,54 kgm a 6.100 giri/min Rapporto di compressione: 12,5:1
Frizione: multidisco a bagno d'olio Cambio: 5 marce a pedale
Accensione elettronica
Trasmissione primaria ad ingranaggi elicoidali
finale a catena
Avviamento a pedale
Ciclistica
Sospensioni Anteriore: forcella teleidraulica Gilera da 30mm / Posteriore: forcellone oscillante e due ammortizzatori "Sebac" regolabili nel precarico
Freni Anteriore: a disco pieno da 260 mm / Posteriore: a tamburo da 140 mm
Pneumatici anteriore 2.75-18" Pirelli, posteriore 3.00-18" Pirelli
Prestazioni dichiarate
Velocità massima 110 km/h
Consumo 33 km/l
Fonte dei dati: Motociclismo 6/1981
Caratteristiche tecniche - Gilera TG2 125 - 1982
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt.) 1970 × 735 × 1115 mm
Altezze Sella: 820 mm - Pedane: 290 mm
Interasse: 1305 mm Massa a vuoto: 104 kg Serbatoio: 10 l
Meccanica
Tipo motore: monocilindrico a due tempi Raffreddamento: ad aria
Cilindrata 122,5 cm³ (Alesaggio 57 x Corsa 48 mm)
Distribuzione: a 4 luci nel cilindro Alimentazione: un carburatore Dell'Orto PHBH 26 AS
Potenza: 14 CV a 7500 giri/min Coppia: 1,4 kgm a 7000 giri/min Rapporto di compressione: 13:1
Frizione: a dischi multipli in bagno d'olio Cambio: 5 marce a pedale
Accensione elettronica
Trasmissione primaria a ingranaggi elicoidali; secondaria a catena
Avviamento a pedale
Ciclistica
Telaio doppia culla chiusa in tubi d'acciaio
Sospensioni Anteriore: forcella telescopica Marzocchi Ø 32 mm / Posteriore: forcellone oscillante e due ammortizzatori Sebac idraulici regolabili
Freni Anteriore: a disco Grimeca Ø 260 mm / Posteriore: a tamburo Grimeca Ø 160 mm
Pneumatici Pirelli, anteriore 2,75-18", posteriore 3,25-18"
Prestazioni dichiarate
Velocità massima 110 km/h
Consumo 3,7 l/100 km
Fonte dei dati: Motociclismo 7/1982

BibliografiaModifica

  • Carlo Perelli, Marco Riccardi, Undici prove per undici "125" - Motociclismo 6/1981 - Edisport, Milano.
  • Alberto Pasi, Tre nuove 125 da strada Fantic-Gilera-SWM a duro confronto - Motociclismo 7/1982 - Edisport, Milano.
  • Alberto Pasi, Gualtiero Repossi, Una favola da raccontare - Motociclismo d'Epoca 6/2009 - Edisport, Milano, pag. 71.

Collegamenti esterniModifica