Apri il menu principale
Giovanni Battista Lodron

Il conte Giovanni Battista Lodron (1480Casale Monferrato, 1555) è stato un condottiero italiano.

Stemma dei Lodron

BiografiaModifica

Nacque nel 1480 da Francesco I Lodron (+ post 8-10-1506) e Dina Collalto (+1507). Si sposò in prime nozze con Violante Malaspina, ed in seconde nozze con Caterina Bianca von Stampey (1480-1550), avviato da giovanissimo al mestiere delle armi, con il cugino Ludovico Lodron, servì Carlo V, suo fratello Ferdinando I e il figlio di costui, Massimiliano II.

Il 14 gennaio del 1516 informava il capitano delle Giudicarie, Giovanni de Bayneck, del saccheggio della Valvestino e Magasa ad opera delle milizie venete. Combatté contro i veneziani e nel 1522 difese Alessandria dai francesi. Nell'agosto del 1524, come luogotenente del conte Federico Zollern, partecipò all'assedio di Marsiglia e il 28 ottobre sconfisse pesantemente il francese Montmprency sul Ticino.

Il 2 novembre sconfisse nuovamente i francesi a Pavia e il 12 sedò una rivolta dei suoi mercenari per il mancato pagamento del soldo. Fu uno spietato e abile comandante: nel 1525 partecipò alla memorabile battaglia di Pavia e nel 1526 occupò Tortona, Cassinelle, Nizza-Monferrato e Castel Fubino, presidiato da truppe francesi, distruggendo, uccidendo senza pietà e violentando persino le monache. Prese parte a innumerevoli imprese militari ma trovò la morte nel 1555 nella difesa della fortezza di Casale Monferrato assediata dai francesi.

BibliografiaModifica

  • Vito Zeni, La Valle di Vestino. Appunti di storia locale, Fondazione Civiltà Bresciana, Brescia 1993.
  • Auf den spuren der Lodron, a cura del Centro Studi Judicaria, Tione.
  • G. Poletti, Dalle crociate alla secolarizzazione profilo storico della famiglia Lodron, in Sulle tracce dei Lodron, Centro Studi Judicaria, Trento 1999.
  • Gianpaolo Zeni, Al servizio dei Lodron. La storia di sei secoli di intensi rapporti tra le comunità di Magasa e Valvestino e la nobile famiglia trentina dei conti di Lodrone, Biblioteca comunale di Magasa, Bagnolo Mella 2007.

Voci correlateModifica