Apri il menu principale

Giulio Bucciolini

giornalista, commediografo e scrittore italiano
Bucciolini, a destra, col sindaco di Firenze Piero Bargellini.

Giulio Bucciolini (Firenze, 3 febbraio 1887Santa Cristina a Pancole, 13 marzo 1974) è stato un giornalista, commediografo e scrittore italiano, laureato in Giurisprudenza a Siena.

AttivitàModifica

Nel 1909 iniziò il suo lavoro a La Nazione e, dal 1914, si occupò esclusivamente di giornalismo e di teatro; nel 1915 divenne redattore di questo quotidiano, svolgendo la funzione di critico, quando sostituì Ferdinando Paolieri, chiamato alle armi per la prima guerra mondiale . Dal 1927 al 1940 fu capocronista al Nuovo Giornale e nel 1947 ritornò a La Nazione, lavorando ancora come critico teatrale, dove rimase fino al 1963, quando il suo ruolo fu ricoperto dal suo vice Paolo Emilio Poesio[1]
Morì nel 1974 a Santa Cristina a Pancole, nel comune di Greve in Chianti; la scuola elementare di Strada in Chianti è intitolata a Giulio Bucciolini e nel cimitero di Strada in Chianti è stata posta una lapide in sua memoria.

OpereModifica

In gioventù scrisse la sua prima opera intitolata Fuoco morente e due atti unici. Nel 1910 scrisse Le burle del Piovano Arlotto, testo comico nel vernacolo di campagna, rielaborato nel 1922 dalla compagnia di Raffaello Niccoli . Nel 1923 scrisse Giocondo Zappaterra ; La Fiera dell'Impruneta; La brigata dei begliumori; il Re Salsiccia, che doveva essere musicato da Pietro Mascagni, ma poi fu musicato da Virgilio Ranzato; le Settantasette lodole e un marito; La Baronessa Schiccherona; La famiglia patriarcale; C'è sotto qualcosa.

NoteModifica

  1. ^ La Nazione -cultura e spettacoli- di sabato 14 marzo 2009, pag.33: Bucciolini, la penna brillante che fece grande il vernacolo e Supplemento (1859-2009, 150 La Nazione) 2-seconda parte, dal 1910 al 1959, Le firme prestigiose e i grandi eventi in Italia e nel mondo: Bucciolini, un critico che fu anche autore, pag. 9

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN22264324 · ISNI (EN0000 0001 1750 5281 · SBN IT\ICCU\LO1V\026005 · LCCN (ENn83229467 · BNF (FRcb12679516v (data) · WorldCat Identities (ENn83-229467
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie