Apri il menu principale

Giuseppe Mazzatinti

filologo, bibliografo e bibliotecario italiano

BiografiaModifica

Fu allievo di Alessandro D'Ancona. Insegnò al Liceo ginnasio Giovan Battista Morgagni di Forlì.

Nel 1887 divenne direttore della Biblioteca comunale di Forlì. Nello stesso periodo (1886-1888), pubblicò i risultati di un lavoro di ricerca dei manoscritti italiani nelle biblioteche di Francia, ricerca compiuta per incarico del Governo, dandone un catalogo in tre volumi.

A quest'opera fecero seguito:

  • la fondazione della rivista Gli Archivi della storia d'Italia, diretta da Giustiniano Degli Azzi e di cui è stata pubblicata anche una raccolta in 4 volumi (1899-1906);
  • la pubblicazione della Bibliografia leopardiana, proseguita poi da Giulio Natali.

Ricercatore infaticabile di manoscritti, Mazzatinti pubblicò, in 13 volumi, gli Inventari dei manoscritti delle biblioteche d'Italia (1891-1906), opera di fondamentale importanza nel settore, in cui ebbe vari collaboratori e prosecutori.

Tra i suoi lavori più importanti va anche citato lo studio de La biblioteca dei re d'Aragona di Napoli (1897).

OpereModifica

Curò la pubblicazione di molti manoscritti inediti:

BibliografiaModifica

  • Giuseppe Mazzatinti (1855-1906). Tra storia e filologia, Fondazione Cisam, Spoleto 1991.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN17245687 · ISNI (EN0000 0001 0874 5961 · SBN IT\ICCU\RAVV\011492 · LCCN (ENn85831055 · GND (DE119112833 · BNF (FRcb12069568v (data) · NLA (EN35329175 · BAV ADV10174138 · WorldCat Identities (ENn85-831055