Giuseppe Nenci

storico, filologo classico e archeologo italiano (1924-1999)

Giuseppe Nenci (Cuneo, 17 aprile 1924Pisa, 29 dicembre 1999) è stato uno storico, filologo classico, archeologo e grecista italiano, professore di Storia greca presso la Scuola Normale Superiore di Pisa.

Giuseppe Nenci

Biografia modifica

Come archeologo ha diretto gli scavi condotti dalla Scuola Normale nelle aree archeologiche di Rocca d'Entella e Segesta.

Oltre alla sua opera di ricerca scientifica va ascritto a suo merito il recupero delle tavole bronzee di Entella, in collaborazione con l'Arma dei carabinieri: le preziose iscrizioni, contenenti i cosiddetti "decreti di Entella e Nakone", erano state oggetto di scavi clandestini a cui era seguito l'illegale trafugamento all'estero.

A lui è dedicato l'antiquarium dell'antica Entella e il Laboratorio informatico per le lingue antiche "Giuseppe Nenci" (LILA), presso la Scuola Normale, da lui fondato nel 1990 e diretto fino alla morte.[1][2]

In sua memoria la Scuola Normale assegna ogni anno il Premio "Giuseppe Nenci", "alla migliore tesi di laurea, di specializzazione o di dottorato dedicata a problematiche storico-archeologiche della Sicilia occidentale, con particolare riferimento all'area elima". È stato professore all'università di Lecce.[3]

Presso la stessa Scuola è attivo il Laboratorio di Storia, Archeologia e Topografia del Mondo Antico da lui fondato il 17 febbraio 1984, diretto dal 2001 da Carmine Ampolo[4]

Pubblicazioni modifica

Note modifica

  1. ^ Pagina del LILA Archiviato il 29 ottobre 2008 in Internet Archive. dal sito della SNS.
  2. ^ Giuseppe Nenci Archiviato il 29 maggio 2008 in Internet Archive. dal LILA, Laboratorio informatico per le lingue antiche "Giuseppe Nenci".
  3. ^ News Archiviato l'11 dicembre 2008 in Internet Archive. del Premio "Giuseppe Nenci" 2008.
  4. ^ Laboratorio di Storia, Archeologia e Topografia del Mondo Antico Archiviato il 2 febbraio 2009 in Internet Archive. della SNS.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN110197268 · ISNI (EN0000 0001 2103 8241 · SBN CFIV015402 · BAV 495/142622 · LCCN (ENn79124613 · GND (DE119347385 · BNE (ESXX1531692 (data) · BNF (FRcb12037893s (data) · J9U (ENHE987007276060405171 · CONOR.SI (SL64117347