Glaucosaurus megalops

specie di dinosauri
(Reindirizzamento da Glaucosaurus)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Glaucosaurus
Glaucosaurus Holotype FMNH.jpg
Cranio di Glaucosaurus megalops
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Synapsida
Ordine Pelycosauria
Sottordine Eupelycosauria
Famiglia Edaphosauridae
Genere Glaucosaurus
Specie G. megalops

Il glaucosauro (Glaucosaurus megalops) è un tetrapode estinto, appartenente ai pelicosauri. Visse nel Permiano inferiore (circa 285 milioni di anni fa) e i suoi resti fossili sono stati ritrovati in Nordamerica (Texas).

DescrizioneModifica

Questo animale è noto solo per un cranio parziale con mandibola, e quindi la ricostruzione è puramente ipotetica. Poiché il cranio richiama quello del ben noto Edaphosaurus, si suppone che anche Glaucosaurus fosse un tetrapode fornito di una vela dorsale sorretta dalle spine neurali delle vertebre. Il cranio era piuttosto corto e alto, e possedeva un osso mascellare insolitamente lungo, che si estendeva posteriormente dietro l'orbita. I denti erano grossi e smussati, e non erano presenti denti caniniformi.

ClassificazioneModifica

Glaucosaurus megalops venne descritto per la prima volta nel 1915, sulla base di un fossile ritrovato nella formazione Waggoner Ranch in Texas. Si suppone che Glaucosaurus fosse strettamente imparentato con il grande Edaphosaurus, un pelicosauro erbivoro ben conosciuto del Permiano nordamericano. Queste somiglianze includono l'assenza di canini e di una flangia trasversa dello pterigoide.

BibliografiaModifica

  • S. W. Williston. 1915. New genera of Permian reptiles. The American Journal of Science, series 4 39(233):575-579
  • Modesto SP (1994), The Lower Permian synapsid Glaucosaurus from Texas. Paleontology 37: 51–60.
  • Lucas SG (2006), Global Permian tetrapod biostratigraphy and biochronology, in SG Lucas, G Cassinis & JW Schneider (eds.). Non-Marine Permian Biostratigraphy and Biochronology. Geol. Soc. Lond. Spec. Publ. 265: 65-93.

Collegamenti esterniModifica