Apri il menu principale

Glenn Burke

giocatore di baseball statunitense
Glenn Burke
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Baseball Baseball pictogram.svg
Ritirato 1979
Carriera
Squadre di club
1976-1978L.A. Dodgers
1978-1979Oakland Athletics
Statistiche
Batte destro
Lancia destro
Media battuta ,237
Punti battuti a casa 38
Punti 2
Statistiche aggiornate al 1° dicmbre 2018

Glenn Lawrence Burke (Oakland, 16 novembre 1952San Leandro, 30 maggio 1995) è stato un giocatore di baseball statunitense. È stato il primo sportivo della Major League Baseball ad effettuare il coming out come omosessuale.[1] È accreditato come l'inventore dell'high five.[2]

BiografiaModifica

Dal 1976 al 1978 giocò nella MLB per i Los Angeles Dodgers, dove il 2 ottobre del 1977[3], durante una partita contro gli Houston Astros, inventò il gesto del dare il cinque. L'idea gli venne quando il compagno di squadra Dusty Baker, dopo aver fatto un fuoricampo ed aver girato le basi, per poi avviarsi in panchina, lo incrociò. Glenn Burke alzò il braccio destro, con il palmo della mano rivolto verso di lui e gli diede il cinque.[4]

Dustin Baker raccontò in merito:

«Non avevo idea di cosa fare così gli ho schiaffeggiato la mano.»

Il gesto ebbe successo poiché molto semplice, ma significativo: una la via di mezzo tra una stretta di mano e un applauso da schioccare in due. Da quel momento i Los Angeles Dodgers lo adottarono come segno distintivo per complimentarsi tra loro in quel modo. L'anno successivo il club mise nella copertina del suo almanacco attribuendogli il nome di high five.[4]

Nel 1978 fece coming out. Questa decisione gli compormise la carriera. Venne ceduto Oakland Athletics dove rimase per la sola stagione 1978-1979. Qui subì pesanti discriminazioni nello spogliatoio. Billy Martin lo etichetto da subito come frocio.

A fine stagione dovette rinunciare alla carriera agonistica nella MLB.

Dopo il ritiro forzato partecipò ai Gay Games del 1982, dove vinse l’oro nei 100 e nei 200 metri. Ha giocato inoltre per gli Uncle Bert’s Bombers, nella San Francisco Gay Softball League. In seguito fu investito da un'auto: l'incidente gli provocò la rottura della gamba in tre punti. Divenne homeless, fece uso di dorghe e venne arrestato per furto e possesso di stupefacenti.[4]

Nel 1993 risultò positivo a un test dell'AIDS.[5] Nell'ultimo periodo della sua vita scrisse la sua biografia: Out at Home: The Glenn Burke Story in cui tra l'altro affermò:

«Nessuno può più dire che un gay non può giocare in Major League, perché io sono gay e ce l’ho fatta.»

Nel 1995 all'età di 42 anni 1995 morì a causa della malattia.[4]

OpereModifica

  • (EN) Glenn Burke, Erik Sherman, Out at Home: The Glenn Burke Story, Excel Pub, 1º luglio 1995, ISBN 096481580X.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Actually, Jason Collins Isn't the First Openly Gay Man in a Major Pro Sport, in The Atlantic.com, 2 maggio 2013.
  2. ^ L’inventore dell’high five, su Il Post, 29 luglio 2014.
  3. ^ (EN) Mag: The history and mystery of the high five, in ESPN.com. URL consultato il 1º dicembre 2018.
  4. ^ a b c d Mario Salvini, Baseball, Glenn Burke inventò "l'high five", ma fu rinnegato perché gay, in La Gazzetta dello Sport, 30 novembre 2018. URL consultato il 1º dicembre 2018.
  5. ^ L'inventore dell'high five, in Il Post, 29 luglio 2014. URL consultato il 1º dicembre 2018.

BibliografiaModifica

DocumentariModifica

  • Out. The Glenn Burke Story., film documentario, 2010, prodotto da Doug Harris, Sean Madison. 1 ora. [1][2]
  • The High Five, film documetario, 30 for 30 Shorts, Grantland, diretto da Michael Jacobs, prodotto da Chris Gary, 30 min.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN24194305 · LCCN (ENno96037417 · WorldCat Identities (ENno96-037417