Apri il menu principale

Gneo Quinzio Capitolino

politico romano
(Reindirizzamento da Gneo Quintilio Capitolino)
Gneo Quinzio Capitolino
Dittatura331 a.C.

Gneo Quinzio Capitolino (... – ...) è stato un politico romano.

BiografiaModifica

Nel 331 a.C. fu nominato dittatore[1].

Durante l'anno, molti tra i cittadini più influenti, erano morti di una malattia che si presentava sempre con gli stessi sintomi. Le morti furono attribuite ad una congiura di donne: centosettanta matrone romane furono condannate per veneficio, dopo che altre si erano suicidate. L'evento, inspiegabile, fu considerato frutto di menti folli.

«E così, siccome negli annali veniva riportato che in passato, in occasione di secessioni della plebe, il dittatore aveva piantato un chiodo e che le menti degli uomini uscite di senno per la discordia erano tornate in sé grazie a quel rito di espiazione, si decise di nominare un dittatore per piantare il chiodo. La scelta cadde su Gneo Quinzio, il quale nominò maestro di cavalleria Lucio Valerio. Dopo aver piantato il chiodo, i due magistrati rinunciarono alla carica.Livio, Ab Urbe condita libri, VIII, 18.»

NoteModifica

  Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma