Apri il menu principale
Goblin Grigio
UniversoUniverso Marvel
Nome orig.Grey Goblin
Lingua orig.Inglese
Alter egoGabriel "Gabe" Stacy
Autori
EditoreMarvel Comics
1ª app.agosto 2004
1ª app. inAmazing Spider-Man n. 509
Editore it.Panini Comics - Marvel Italia
app. it.17 marzo 2005
app. it. inL'Uomo Ragno n. 409
SessoMaschio
Poteri
  • forza, resistenza, agilità e riflessi sovrumani
  • fattore rigenerante

Goblin Grigio (Grey Goblin), il cui vero nome è Gabriel "Gabe" Stacy, è un personaggio dei fumetti Marvel Comics creato da J. Michael Straczynski e Mike Deodato Jr.. La sua prima apparizione è in Amazing Spider-Man n. 509 (agosto 2004). È uno dei due figli gemelli di Gwen Stacy e Norman Osborn, alias Goblin e compare per la prima volta, insieme alla sorella Sarah, durante l'arco di storie Peccati dal passato.[1]

Indice

Storia editorialeModifica

In origine, Gabriel e Sarah dovevano essere figli di Peter Parker, ma l'autore, J. Michael Straczynski, modificò l'idea e scelse, al posto del protagonista, il suo nemico Norman Osborn.[2]

Biografia del personaggioModifica

Peccati del passatoModifica

Durante l'arco di storie Peccati dal passato è emerso che Norman Osborn molti anni prima, ebbe una relazione con Gwen Stacy, al tempo fidanzata di Peter Parker. Gwen diede alla luce due gemelli: Sarah e Gabriel, che Osborn aveva cresciuto con sé durante il suo esilio segreto in Europa.[3]

In pochissimi anni i giovani maturano completamente grazie al siero di Goblin che scorreva nelle loro vene. Ritornati negli Stati Uniti si recano a cercare Parker, che credono essere il loro vero padre. Gabriel e sua sorella lo attaccano al cimitero dov'è sepolta Gwen, ma Peter riesce a scappare aggrappandosi a un camion.[4] Viene raggiunto sul ponte di Brooklyn, il luogo della morte di Gwen, dove cerca di spiegare la verità ai due ragazzi. Durante un nuovo scontro, in cui interviene anche la polizia, Sarah viene ferita e salvata in seguito dall'Uomo Ragno. Gabriel, invece, fugge per mare e raggiunge una base segreta di proprietà di Osborn, per confrontarsi nuovamente con il suo presunto padre.[5]

Ma, dopo aver eseguito un test del DNA la verità viene rivelata: il padre dei gemelli è Norman Osborn. Sarah accetta la cosa, ma Gabriel sente la responsabilità di continuare il cammino di suo padre Norman, ritenendo inoltre che Peter sia l'assassino di sua madre. Gabriel scopre la verità e, tramite un video, riceve da Osborn l'ordine di iniettarsi il siero di Goblin per rafforzare la propria agilità e forza e per bloccare la crescita rapida.[6] Veste allora i panni del Goblin Grigio e affronta l'Uomo Ragno. Gabriel arriva all'ospedale dove è ricoverata Sarah. Attacca l'Uomo Ragno che aveva donato il sangue a sua sorella. Lo scontro prosegue sul tetto dell'edificio e Gabriel viene colpito dalla sorella e perde il controllo dell'aliante. L'esplosione di quest'ultimo provoca un violento colpo e Gabriel cade in mare, senza sensi.[7] Viene in seguito ritrovato sulla spiaggia da una famiglia in vacanza e il padre gli domanda il suo nome. Gabriel però ha perso completamente la memoria.[8]

Si è rivisto nella miniserie American Son (2010).

Poteri e abilitàModifica

Il siero elaborato da Osborn conferisce a chi lo utilizza forza, agilità e riflessi sovrumani e un fattore di guarigione straordinario. Con la sua forza Gabriel è in grado di tener testa all'Uomo Ragno quindi sarebbe in grado di sollevare 10 tonnellate. Per Gabriel, inoltre, ha anche la funzione di bloccare la sua crescita rapida, tramandatagli dal padre per uccidere l'Uomo Ragno alcuni anni dopo la morte di Gwen.

ArmiModifica

Le armi usate da Goblin Grigio sono un aliante su cui si muove in aria e bombe zucca, shuriken a forma di pipistrello e vari attrezzi tecnologici tutti di sua invenzione, oltre che prodotti allucinogeni, che tiene solitamente in una borsa. I suoi guanti gli conferiscono la capacità di sparare scariche di scintille elettriche stordenti.

NoteModifica

  1. ^ Sins Past, The Amazing Spider-Man nn. 509 - 514, agosto 2004 - gennaio 2005; prima edizione italiana: L'Uomo Ragno, Panini Comics, nn. 409 - 414, 17 marzo - 26 maggio 2005.
  2. ^ SBC.com (no date): All the Rage (column) - "Don't Panic", by Blair Marnell & John Voulieris Archiviato il 2 maggio 2005 in Internet Archive.
  3. ^ L'Uomo Ragno, Panini Comics, nn. 412, 28 aprile 2005, pag. 16, 17
  4. ^ L'Uomo Ragno, Panini Comics, nn. 409, 17 marzo 2005, pag.41-46
  5. ^ L'Uomo Ragno, Panini Comics, nn. 413, 17 marzo 2005, pag. 9-24
  6. ^ L'Uomo Ragno, Panini Comics, nn. 414, 26 maggio 2005, pag. 3, 4 e 11-13
  7. ^ L'Uomo Ragno, Panini Comics, nn. 414, 26 maggio 2005, pag. 15-21
  8. ^ L'Uomo Ragno, Panini Comics, nn. 414, 26 maggio 2005, pag. 24
  Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics