Apri il menu principale
Great Glennie Island
Geografia fisica
LocalizzazioneStretto di Bass
Coordinate39°05′06″S 146°13′52″E / 39.085°S 146.231111°E-39.085; 146.231111Coordinate: 39°05′06″S 146°13′52″E / 39.085°S 146.231111°E-39.085; 146.231111
ArcipelagoGlennie Group
Superficie1,38 km²
Dimensioni3 × 0,6 km
Altitudine massima140 m s.l.m.
Geografia politica
StatoAustralia Australia
Stato federatoVictoria Victoria
Cartografia
Mappa di localizzazione: Australia
Great Glennie Island
Great Glennie Island
voci di isole dell'Australia presenti su Wikipedia

Great Glennie Island è un'isola di granito situata nello stretto di Bass, a sud-ovest del Wilsons Promontory, nello stato di Victoria, in Australia. L'isola è la maggiore del Glennie Group, di cui fanno parte Dannevig Island, Citadel Island e McHugh Island, situate tutte a sud di Great Glennie.

L'isola fa parte della Wilsons Promontory Islands Important Bird Area, identificata come tale da BirdLife International per la sua importanza nella riproduzione degli uccelli marini[1]. Le isole Glennie sono una riserva naturale, un santuario della fauna selvatica e nei mesi estivi vi nidificano migliaia di berta codacorta e di pinguino minore blu.[2]

L'isola, lunga circa 3 km e larga 600 m, ha una superficie di circa 1,38 km² e un'altezza di 140 m. A nord, a circa 4,8 km[3] si trova Norman Island, a sud-est Anser Island.

Citadel Island, una delle isole Glennie.

Il Glennie Group è stato nominato dall'esploratore britannico James Grant sulla HMS Lady Nelson nel dicembre del 1800 in onore di George Glennie, un amico londinese del capitano John Schank.[4]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Wilsons Promontory Islands, su datazone.birdlife.org. URL consultato il 18 aprile 2018.
  2. ^ (EN) Islands of Wilsons Promontory, su australiaforeveryone.com.au. URL consultato il 19 aprile 2018.
  3. ^ Distanza presa con Wikimapia, su wikimapia.org. URL consultato il 19 aprile 2018.
  4. ^ (EN) Place Names on the Coast of Victoria (PDF), su anps.org.au, p. 17. URL consultato il 19 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 10 febbraio 2011).

Collegamenti esterniModifica