Dialetto griko

dialetto greco parlato in Salento
(Reindirizzamento da Griko)
Dialetto griko
Parlato inItalia
Parlato inPuglia
Tassonomia
FilogenesiLingue indoeuropee
 Koinè greca
  Lingua greca
   Dialetti greco-italioti
Codici di classificazione
Glottologapul1237 (EN)
Linguasphere56-AAA-aia

Il dialetto griko è un dialetto[1] della lingua greca appartenente al gruppo dei dialetti greco-italioti, parlato nella regione della Grecia salentina, in provincia di Lecce.

Tale dialetto, scritto in caratteri latini, presenta punti in comune con il neogreco e vocaboli che sono frutto di evidenti influenze leccesi o comunque neolatine. Fenomeni fonetici molto comuni nel griko sono:

  • La caduta del gamma intervocalico, ad esempio il greco moderno φέυγω (fevgho, letteralmente (io) "parto") diventa "feo".
  • La palatalizzazione dei suoni gutturali. Ad esempio la congiunzione καί, equivalente alla "e" italiana, diventa "ce" o il pronome εκείνος (quello) diventa "cino" o ancora l'esempio del vocabolo καλοκαίρι [kalokèri] (estate) che diventa "Calocèri" o l'espressione "ο κύριoς μου" [cùrios-mu] (il mio signore, mio padre) diventa "ciùrimmu".
  • Il passaggio di grado da suono aspirato a tenue: θάλασσα (letto Thalassa con Th aspirato) diventa "tàlassa"
  • L'assibilazione: ad es. la forma neogreca ήθελα [ìthela] ((io) volevo) diviene "isela".
  • Il passaggio da gutturale a labiale: ad esempio ανοιχτός (letteralmente "aperto" da leggersi Anichtòs, con ch aspirato) diventa "niftò"
  • Il passaggio da labiale tenue a labiale aspirata: es. πεμπτη (giovedì, da leggersi "pempti") diventa "pèfti".

Confronto linguisticoModifica

(Lingua italiana)

Io ti penso sempre,
perché ti amo, anima mia,
e ovunque andrò, in qualsiasi cosa sarò trascinato, ovunque io mi trovi,
ti porterò sempre dentro al mio cuore.

(Greco moderno)
Εγώ πάντα εσένα σκέφτομαι,
γιατί εσένα ψυχή μου αγαπώ,
και όπου πάω, όπου σέρνομαι, όπου στέκομαι,
στην καρδιά μου πάντα εσένα βαστώ.

(Griko)
Evò panta se sena pensèo,
jatì sena fsichì mu [a]'gapò,
ce pu pao, pu sirno, pu steo
stin kardìa mu panta sena vastò.

  • Il componimento che segue è un "dispetto", brevi battute popolari a carattere scherzoso.

(Lingua italiana)

Lunedì e martedì siedi
mercoledì non lavorare
e giovedì va' pure, va' pure alla piazza!
Il venerdì e il sabato allo specchio:
e la domenica io come lavoro?

(Greco moderno)

Τη Δευτέρα και την Τρίτη κάθεσαι,
την Τετάρτη μη δουλέψεις
και την Πέμπτη να πας, να πας στην πλατεία!
Την Παρασκευή και το Σάββατο είσαι στον καθρέφτη:
την Κυριακή εγώ πώς δουλεύω;


Ti dheftèra ke tin trìti kàthese,
tin tetàrti mi dhulèpsis
ke tin pèmpti na pas, na pas stin platìa!
Tin paraskevì ke to sàvato ìse ston kathréfti:
tin kiriakì eghò pos dhulèvo?

(Griko)

I deftera ce i triti cascio
i tètrai mi pòlemìsi
ce amo i péfti, amo sti mesi
i prassäì ce o samba es to fanò:
i ciuracì 'vo posse polemò?

LessicoModifica

AnimaliModifica

Bue e Mucca: Vui

Cane: Sciddhu

Capra: Izza

Caprone: Criu

Cavallo: Ampari

Gatto: Muscia

Gallina: Ornisa

Gazza: Mita

Grillo: Griddho

Lucertola: Stavvricula

Maiale: Recco

Pecora: Pradina

Pesce: Azzari

Ragno: Karrukeddha

Serpente: Afidi

Topo: Pondikò

Uccello: Pikulì (Uccellino: Piculai)

Giorni della settimanaModifica

Lunedì: Deftera

Martedì: Tridi

Mercoledì: Tetradi

Giovedì: Petti

Venerdì: Prasseì

Sabato: Samba

Domenica: Ciuriacì

Espressioni di tempoModifica

Oggi: Simmeri

Domani: Avvri

Ieri: Ettè

L'altro ieri: Protte

Settimana: Domà

La settimana scorsa: Tu domà pu diache

Anno: Crono

Quest'anno: Feto

L'anno prossimo:Fetisporchete

L'anno scorso: Pertzi

Luoghi del paeseModifica

Piazza: Mesi

Paese: Chora (è anche il nome griko di Sternatia)

Casa: Essu (mu), spiti

Strada: Shtrà

Chiesa: Aglisìa

Farmacia: Spezialìa

Bottega: Puteca

Macelleria: Vucceria

Forno: Furnu

Mulino: Milo

Campagna e dintorniModifica

Campagna: Korafi

Albero: Argulo

Pagliaio o fornetto di pietre: Furnai

Paglia: Kuteo

Grano: Sitàri

Orzo: Crisari

Pozzo: Frea

Secchio: Sicchio

Carrucola: Carrozziddha

Zappa: Zinari

Zappetta: Inguddha

Zappetta con il manico corto: Scioparnai

Ascia: Mannara

Carbonaio: Kraunaro

Carbonaia: Kraunara

Carboni: Kranari

Carbonella: Cinisa

Cenere: Statti

I colori (Ta culuria)Modifica

(Di seguito solo quelli differenti dalla versione dialettale salentina)

Colori: Culuria

Rosso: Rodinò

Bianco: Aspro

Nero: Mavvro

Giallo: Scialèno

Verde: Chiaro

FamigliaModifica

Mamma: Mana

Papà: Tata

Padre: Ciuri

Bambino: Pedai

Bambina: Chiatera

Ragazzo: Pedìa

Fratello: Aderfò

Sorella: Aderfi

Suocera: Pattera

Suocero: Pattero

Cognato: Cagnao

Cognata: Cagnai

Genero: Grambò

Nonno: Pappo

Nonna: Mali

Nipote: Anizzio

Zio: Ttio

Zia: Ttia

Cugino: ‘Zaterfo

Sposo: Paddhicari

Sposa: Coràsi

Marito:Andra

Moglie: Ghineca

Vedova: Cattìa

Zitella: Coràsi

Corpo umanoModifica

Capelli: Maddhìa

Orecchie. Attìa

Mani: Chierria

Dita: Dattila

Occhi: Ammaddhia

Naso: Mitti

Braccio: Vrachionu

Gambe: Anche

Testa: Ciofàle

Piedi: Poddhia

L'articolo determinativoModifica

Singolare Maschile: o

Singolare Femminile: e

Singolare Neutro: to

Plurale Maschile: e

Plurale Femminile: e

Plurale Neutro: ta

L'articolo indeterminativoModifica

Singolare Maschile: ena

Singolare Femminile: mia

Singolare Neutro: ena

VerbiModifica

Verbo "ime": essereModifica

presente passato prossimo “imperfetto”
Evo ime ime sta’meno imone
Esù ise ise sta’meno isone
Cino ene e sta’meno ione
Emì imesta ime sta’meni imasto
Esì isesta isesta sta’meni isasto
Cini ine i sta’meni isane

Verbo “kanno” fareModifica

presente passato prossimo
Evò kanno ekamo
Esù kanni ekame
Cino kanni ekame
Emì kannume kamamo
Esì kannete kamato
Cini kannune kamane

Verbo “torò” vedereModifica

presente passato prossimo “riflessivo”
Evò torò ita toriome
Esù torì ite toriese
Cino torì ite toriete
Emì torume itamo toriomesta
Esì torite itato toriosesta
Cini torune itane toriutte

Verbo “‘zicconnome” litigareModifica

presente
Evò zicconnome
Esù zicconnete
Cino ezziccotte
Emì zicconomesta
Esì zicconosesta
Cini zicconnete

Verbo “vorazzo” comprareModifica

presente passato prossimo
Evò vorazzo vorasi
Esù vorazzi vorase
Cino vorazzi vorase
Emì vorazzume vorasamu
Esì vorazzete vorasato
Cini vorazzune vorasene

Verbo “pianno” prendereModifica

presente passato prossimo
Evò pianno ebbia
Esù pianni ebbie
Cino pianni ebbie
Emì piannume piacamo
Esì piannete piacato
Cini piannune piacane

Verbo “ercome” venireModifica

presente passato prossimo
Evò ercome irta
Esù erchese irte
Cino erchete irte
Emì ercomesta irtamo
Esì ercosesta irtato
Cini ercute irtane

Verbo “canonò” guardareModifica

presente passato prossimo
Evò canonò kanonisa
Esù canonì kanonise
Cino canonì kanonise
Emì canonume kanonisamo
Esì canonite kanonisato
Cini canonune kanonisane

Verbo “pinno” bereModifica

presente passato prossimo
Evò pinno ebbia
Esù pinni ebbie
Cino pinni ebbie
Emì pinnume piamo
Esì pinnete piato
Cini pinnune piane

Verbo “leo” direModifica

presente passato prossimo
Evò leo ipa
Esù lei ipe
Cino lei ipe
Emì leome ipamo
Esì lete ipato
Cini leune ipano

Verbo “mareo” cucinareModifica

presente passato prossimo
Evò mareo marezzo
Esù marei marezze
Cino marei marezze
Emì mareome marezzamu
Esì marete marezzato
Cini mareune marezzane

Verbo “steo” stareModifica

presente
Evò steo
Esù stei
Cino stei
Emì steome
Esì stete
Cini steune

EspressioniModifica

Simmeri o cerò è mavro ce scotinò

Oggi il tempo è nero e minaccioso

Mi pì zémata

Non dire bugie

Pu ste pai?

Dove stai andando?

Cini emine coràsi

È rimasta zitella

Cini emine cattìa

È rimasta vedova

Pao e'tozzo

Vado in campagna

Uso del “come”

Frasi affermative

Come si traduce con kundu o sa

Es. Echi t'ammaddia kundu o talassa = Hai gli occhi come il mare

Tua ene sa mia avloima = questa è come una benedizione

Domande

Si traduce con “pos”

Es. Pos pame? = come andiamo?

NoteModifica

  1. ^ Riconoscendo l'arbitrarietà delle definizioni, nella nomenclatura delle voci viene usato il termine "lingua" se riconosciute tali nelle norme ISO 639-1, 639-2 o 639-3. Per gli altri idiomi viene usato il termine "dialetto".
Controllo di autoritàGND (DE4577279-4