Ground zero

Termine inglese per definire una superficie colpita da una esplosione atomica o non
(Reindirizzamento da Ground Zero)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Ground Zero" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Ground Zero (disambigua).
Ground zero dell'11 settembre 2001
Una fotografia del ground zero delle Twin Towers nell'ottobre del 2006

Ground zero (in inglese livello zero) indica in origine l'area terrestre-marina perpendicolare all'epicentro di una esplosione atomica, sia essa avvenuta in atmosfera, sottoterra o sott'acqua.[1] In seguito è passato a identificare la zona di Manhattan, a New York, dove sorgevano le Torri Gemelle del World Trade Center.[1]

StoriaModifica

Il termine definiva originalmente l'area desertica del Nuovo Messico dove, nel 1945, erano stati svolti gli esperimenti sull'atomica del Progetto Manhattan, facendovi esplodere le prime bombe atomiche.[1] In seguito è stato usato per definire i luoghi dei bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki, in Giappone nel 1945.[1] Successivamente ground zero è stato anche utilizzato, impropriamente, per identificare il punto focale del luogo dove avviene una massiccia deflagrazione, l'epicentro di un terremoto o di un altro disastro.[senza fonte]

World Trade CenterModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Sito del World Trade Center.

Dopo il gli attentati dell'11 settembre 2001 alle Torri Gemelle, il termine è stato utilizzato per identificare per antonomasia il sito nella parte meridionale di Manhattan (New York, Stati Uniti d'America) dove sorgevano gli edifici WTC 1 e WTC 2 (Torri Gemelle), appartenenti al complesso del World Trade Center.[1]

Per il riassetto dell'area e la nuova edificazione di edifici è stato indetto un concorso, vinto dall'architetto polacco-statunitense Daniel Libeskind, che ha portato alla costruzione del One World Trade Center.[senza fonte]

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Ground zero, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 10 gennaio 2019.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica